16 febbraio 2009 / 08:31 / tra 9 anni

Borsa Milano debole in avvio, male banche e Fiat, piatta Eni

MILANO, 16 febbraio (Reuters) - Prevalgono decisamenti i segni meno sul listino italiano, che nelle battute della prima mattinata ricalca la flessione degli indici europei dopo la debole chiusura di Tokyo.

Particolarmente sotto pressione i titoli bancari, con UNICREDIT (CRDI.MI), INTESA SANPAOLO (ISP.MI) e UBI BANCA (UBI.MI) che arretrano di circa il 2% sulla chiusura precedente.

Vendite anche su FIAT FIA.MI, che secondo indiscrezioni stampa finalizzaerà nei prossimi giorni il finanziamento da un miliardo da parte di Intesa SP, UniCredit e Credit Agricole. I due istituti non hanno voluto commentare la notizia che li vede contribuire con 400 milioni ciascuno.

ENI (ENI.MI) stabile sui livelli della chiusura precedente.

Sospese ITALCEMENTI ITAI.MI e ITALMOBILIARE (ITMI.MI), che riuniscono oggi il consiglio per deliberare in materia di riorganizzazione delle partecipazioni industriali del gruppo.

Intorno alle 9,25 l‘indice S&P/Mib .SPMIB arretra di 0,87%, il Mibtel .MIBTEL cede 0,68% e l‘AllStars .ALLST un modesto 0,28%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below