16 novembre 2009 / 16:57 / 8 anni fa

Borsa Milano in rialzo, bene Tenaris, Impregilo, giù B.Popolare

MILANO, 16 novembre (Reuters) - Avvio di settimana tonico a Piazza Affari che archivia la seduta odierna in deciso rialzo sui titolo legati alle materie prime, industriali e qualche bancario di peso.

Il mercato digerisce le ultime trimestrali e trova sostegno dalla forza di Wall Street grazie ai dati economici che, tranne qualche eccezione, sono stati incoraggianti.

“E’ stata una seduta con poche storie e volumi sotto la media. I dati Usa, sopratutto quello sulle vendite retail e in parte quello sulle scorte dell‘industria (brutto invece l‘indice manifatturiero di New York) ci hanno spinti un po’ più in avanti ma è stato un mercato tonico fin dall‘apertura”, commenta un trader.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB termina in rialzo del dell‘1,44%, l‘AllShare .FTITLMS dell‘1,33% e il MidCap .FTITMC dello 0,62%. Volumi per circa 2,9 miliardi di euro.

* Nel paniere principale spiccano i rialzi di TENARIS (TENR.MI) (+3,8%) in un contesto molto favorevole per i titoli legati alle commodity. Il settore europeo Oil&Gas .SXEP (+1,6%) corre sul balzo delle quotazioni del greggio trascinando anche SAIPEM (SPMI.MI), +2,6% mentre ENI (ENI.MI) resta più indietro a +0,8%.

* Forte IMPREGILO IPGI.MI, in progresso del 3% su acquisti speculativi dopo la notizia della morte di Marcellino Gavio, azionista tramite Igli. Corrono anche AUTOSTRADE TORINO-MILANO (ATMI.MI) e SIAS (SIS.MI), che fanno capo al gruppo Gavio, con rialzi rispettivament del 3,3% e del 2,5%..

* Nel settore bancario in deciso progresso i big INTESA SANPAOLO (ISP.MI), +2,45%, e UNICREDIT (CRDI.MI), +1,78% sull‘onda lunga delle trimestrali della scorsa settimana, dicono i trader. L‘assemblea di Unicredit ha approvato l‘aumento di capitale fino a 4 miliardi.

In netta controtendenza è BANCO POPOLARE BAPO.MI in calo del 2,4%. Secondo i trader l‘istituto veronese è penalizzato dai risultati trimestrali annunciati venerdì, considerati da qualche analista un po’ più deboli del previsto, ma soprattutto dai timori relativi relativi alle annunciate cessioni.

“Si teme che ci siano delle difficoltà per la chiusura delle operazioni di cessione” dice un trader ricordando le dichiarazioni dell‘AD, Pier Francesco Saviotti, secondo cui se le dismissioni previste non dovessero concludersi nei termini voluti la banca non esclude il ricorso a strumenti di rafforzamento patrimoniale alternativi all‘aumento di capitale.

Il mix di trimestrale e cessioni “creano turbolenze di breve che però non mutano l‘equity story”, aggiunge un trader. In leggero terreno negativo POP MILANO PMII.MI (-0,28%)

* Ben comprati i titoli del lusso BULGARI BULG.MI e LUXOTTICA (LUX.MI) con rialzo dell‘ordine del 2,5%.

* Tonica FIAT FIA.MI, in guadagno del 2% dopo i dati sulle immatricolazioni auto in Europa a ottobre in un comparto europeo .SXAP in salita del 3,7%. Sempre tra gli industriali bene FINMECCANICA SIFI.MI (+2%) e PIRELLI PECI.MI (+1,8%).

* Fuori dal paniere principale DANIELI (DANI.MI) mette a segno un progresso di oltre il 4% circa dopo la notizia di un contratto in Arabia Saudita del valore di 630 milioni di dollari.

* RISANAMENTO (RN.MI) sale dell‘1,1% il via libera dei soci al nuoco Cda.

* BANCA PROFILO (PRO.MI) balza del 7,2% in attesa del piano industriale che verrà presentato venerdì prossimo. “C’è molta curiosità sul piano”, osserva un trader.

* CALEFFI (CLFF.MI), che venerdì ha annunciato il rinnovo dell‘accordo di licenza con The Walt Disney Company, mette a segno un rialzo di oltre il 20%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below