16 giugno 2009 / 10:54 / 8 anni fa

Borsa Milano conferma calo tra scambi sottili e pochi spunti

MILANO, 16 giugno (Reuters) - Piazza Affari verso metà seduta conferma il segno negativo, unico tra le altre principali borse europee, ma in un contesto di scambi sottili e penuria di spunti di interesse.

“Siamo in una situazione di volumi straordinariamenti bassi, si fa qualcosa in apertura e poi ci si inchioda”, commenta un trader. “Non ci sono né venditori né compratori, tutto è guidato dai derivati, non ci sono spunti su singole storie”.

Intorno alle 12,30 l‘indice Ftse/Mib .FTMIB cede lo 0,7%, il Ftse/All Share .FTITLMS lo 0,6% e il Ftse/Mid Cap .FTITMC l‘1,15%. Volumi poco sopra il miliardo di euro.

In Europa il benchmark Dj Stoxx 600 sale dello 0,2% mentre negli Usa i futures azionari sono contrastati.

* Tra bancari generalmente deboli in tutta Europa (-0,5% l‘indice di settore .SX7P), BANCO POPOLARE BAPO.MI lascia sul campo il 2,8%. Seguono UNICREDIT (CRDI.MI) - di cui Goldman Sachs ha limato il target a 2,5 da 2,6 euro confermando il giudizio “buy” - e INTESA SANPAOLO (ISP.MI) con cali nell‘ordine dell‘1,5%.

* Lettera anche sugli assicurativi (-1% il comparto europeo .SXIP). FONDIARIA SAI FOSA.MI estende le perdite della vigilia accusando una flessione oltre l‘1%, mentre GENERALI (GASI.MI) e ALLEANZA ALZI.MI limitano le perdite intorno allo 0,5%.

* Venduta IMPREGILO IPGI.MI, -3% circa, in un movimento che gli operatori attribuiscono a realizzi dopo i recenti forti rialzi, che ieri hanno portato le azioni su un nuovo massimo dell‘anno a 2,615 euro. “Nell‘ultimo periodo sono arrivate alcune notizie positive, ultimo ieri un contratto per un termovalorizzatore a Berlino, e il titolo è salito molto, quindi oggi ci sono un po’ di prese di profitto. In un contesto di debolezza generale il mercato guarda ai titoli che avevano sovraperformato”, osserva un operatore.

* In calo anche oggi PIRELLI PECI.MI, -2%, mentre prosegue la corsa di PIRELLI REAL ESTATE (PCRE.MI) al secondo giorno di aumento di capitale. Le azioni, in asta di volatilità, segnano un rialzo teorico del 25% mentre i diritti PCRE_r.MI avanzano del 6,8%. Il movimento, segnala un trader, è legato alla ricapitalizzazione in corso e risente anche dell‘impossibilità di fare short sui titoli che fanno aumenti di capitale.

* Sempre nella galassia Tronchetti Provera, CAMFIN CAMI.MI accusa un calo dell‘11% dopo la fiammata di oltre il 50% della vigilia.

* In testa al paniere principale ANSALDO (STS.MI) festeggia con un progresso intorno al 2% una commessa in Arabia Saudita.

* Tengono bene in generale, anche a livello europeo, energetici e utility, con A2A (A2.MI) e ENEL (ENEI.MI) in progresso oltre l‘1%.

* FIAT FIA.MI cede l‘1,4% nonostante i dati sulle immatricolazioni europee a maggio abbiano mostrato per il gruppo italiano un aumento del 2%, a fronte di un mercato in calo per il tredicesimo mese consecutivo con -4,9%.

* Tra i minori EUTELIA EUT.MI, che ieri sera ha annunciato il perfezionamento della cessione alla società Omega delle proprie attività industriali in ambito IT, ridimensiona il calo delle prime battute, ma resta comunque in ribasso di oltre il 2%.

* BENI STABILI (BNSI.MI), promossa da Jp Morgan, sale del 4% circa.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below