15 aprile 2009 / 09:29 / tra 9 anni

Borsa Milano rimbalza, bene Mediaset, assicurativi, sospesa Seat

MILANO, 15 aprile (Reuters) - Piazza Affari rimbalza dopo un avvio fiacco sfidando il segno meno degli indici asiatici e di Wall Street, oltre ai deludenti risultati trimestrali della svizzera Ubs, che pesano sul comparto finanziario.

Milano continua ad avanzare con maggiore decisione rispetto alle altre piazze europee che grazie alla tenuta degli energetici sono comunque riuscite a scrollarsi di dosso un‘apertura debole all‘insegna della correzione dei bancari.

“E’ una bella prova di forza da parte del mercato, anche alla luce dei brutti numeri di Ubs. Il mercato non ha voglia di scendere e la conclusione di questo movimento rialzista di breve termine a questo punto potrebbe essere che gli indici tornino invariati da inizio anno”, secondo un operatore.

La banca elvetica ha chiuso il trimestre con una perdita da circa due miliardi di franchi svizzeri.

Alle 11,15 circa l‘S&P/MIB .SPMIB avanza di 0,5%, dopo essere arrivato a perdere oltre l‘1% nelle prime battute. Il Mibtel .MIBTEL sale di 0,5% e l‘All Star .ALLST di 0,3%.

* In testa all‘S&P/Mib brilla MEDIASET (MS.MI) con un progresso del 4,5%. Ieri la controllata spagnola Telecinco TEL5.MC è balzata in borsa sull‘annuncio dell‘intenzione del governo di ridurre la pubblicità sulla rete televisiva pubblica. La mossa infatti potrebbe favorire i player privati.

* Se alcuni bancari cedono ai realizzi dopo il rally della vigilia, MONTE PASCHI (BMPS.MI) continua a brillare e sale del 3,6% dopo il 6,3% di ieri. Proseguono la corsa invece gli assicurativi nonostante il -0,5% del comparto in Europa .SXIP. FONDIARIA-SAI FOSA.MI sale del 4%, UNIPOL (UNPI.MI) e ALLEANZA ALZI.MI del 2% circa.

* Rimasta indietro nel rimbalzo che ieri si è esteso dai bancari alla maggioranza dei titoli del listino principale, PIRELLI PECI.MI avanza del 4% circa.

* TISCALI (TIS.MI) perde il 5% dopo le riserve espresse dal revisore Ernst & Young, che non ha voluto dare un giudizio sul bilancio 2008 dell‘Isp a causa delle “incertezze di rilievo” sulla continuità aziendale. Le banche creditrici sono peraltro disponibili ad estendere a dicembre, da giugno, il periodo di standstill sul debito.

* Si sono astenuti da un giudizio sul bilancio 2008 anche i revisori di EUTELIA EUT.MI. Il titolo cede il 7,5%.

* FIAT FIA.MI avanza del 2,5% sullo sfondo di un settore auto lievemente negativo .SXAP, indifferente a un downgrade di un broker. L‘AD Sergio Marchionne ha dichiarato a un quotidiano canadese che Fiat è pronta ad abbandonare Chrysler al suo destino senza un accordo con i sindacati entro fine mese per ridurre drasticamente il costo del lavoro.

* Di nuovo in asta di volatilità SEAT PAGINE GIALLE PGIT.MI che ieri ha lasciato sul terreno il 50% in un movimento di correzione dopo l‘aumento di capitale che ha sostenuto i corsi azionari. Il titolo perde un teorico 28% a 0,24 euro.

(Redazione Milano, +39 02 6612 9526; email: valentina.za@thomsonreuters.com; RM: valentina.za.reuters.com@reuters.net))

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below