5 settembre 2011 / 07:59 / tra 6 anni

Borsa Milano cala 2% con banche, ciclici, Edison controtendenza

MILANO, 5 settembre (Reuters) - La borsa di Milano apre in netto ribasso con il resto d‘Europa, sui timori per il debito dell‘area euro e dopo i dati Usa deboli di venerdì.

“Non è più una questione di vendite allo scoperto, gli investitori stanno smobilizzando le posizioni sugli asset italiani”, dice un trader.

“Si fanno tante chiacchiere da salotto, ma non ci si rende conto che la percezione che hanno gli investitori esteri sull‘Italia è molto negativa”, aggiunge.

Il mercato perde terreno a causa dello spread Btp-bund oltre quota 340 e dopo i dati sull‘occupazione Usa dell‘ultima seduta.

Intorno alle 9,50 l‘indice FTSE Mib .FTMIB scende dell‘1,7%, quanto l‘All Share .FTITLMS.

* BANCARI sotto pressione. INTESA SANPAOLO (ISP.MI) -3%, UNICREDIT (CRDI.MI) -2,3%, con un Euro Stoxx di settore che perde il 2,9%.

* In difficoltà anche i ciclici, sui timori di inizio di una fase recessiva, con FIAT FIA.MI e PIRELLI PECI.MI che lasciano sul terreno oltre il 2%.

* EDISON EDN.MI in controtendenza (+2%), in vista dell‘incontro di oggi tra il ministro allo Sviluppo Economico, Paolo Romani e il numero uno di Edf (EDF.PA), Henri Proglio, per trattare il tema del futuro assetto azionario della società.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below