19 agosto 2011 / 16:05 / tra 6 anni

Borsa Milano chiude ancora in calo, male banche, galassia Fiat

MILANO, 19 agosto (Reuters) - Piazza Affari ha chiuso in deciso ribasso, dopo aver vanificato sul finale il tentativo di recupero partito con l‘avvio della contrattazioni a Wall Street.

Gli indici del mercato azionario Usa, dopo aver aperto in calo, sono riusciti a passare in territorio positivo, per poi annullare nuovamente i guadagni. L‘indice italiano, e più in generale le borse europee, hanno replicato questo movimento, partendo da una situazione più negativa.

La piazza milanese è stato zavorrata dalle principali banche italiane, dalla galassia Fiat e dai titoli dell‘energia.

Alcuni titoli, quelli che da inizio anno sono stati fortemente penalizzati, hanno però visto prevalere gli acquisti.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB, dopo il -6,15% di ieri, ha chiuso in calo del 2,46%, mentre l‘indice europeo FTSEurofirst .FTEU3 ha lasciato sul terreno l‘1,5%. L‘Allshare .FTITLMS ha perso il 3,12%. Volumi per circa 2,5 miliardi.

* INTESA SANPAOLO (ISP.MI) (-5,3%) e UNICREDIT (CRDI.MI) (-5,8%) sono tra le banche europee che hanno registrato i maggiori ribassi. L‘indice di settore europeo .SX7P ha perso l‘1,8%. Anche UBI (UBI.MI) ha registrato pesanti perdite (+4,3%).

* In controtendenza invece MEDIOBANCA (MDBI.MI), poco sopra la parità, e soprattutto POP MILANO PMII.MI, che ha messo a segno un rialzo del 3,2%. “In questa fase più che i ragionamenti, valgono i flussi”, commenta un trader. “Il titolo è stato già talmente venduto che forse ce ne sono meno da vendere nei portafogli rispetto al resto”, è il suo spunto di riflessione. Pop Milano, in effetti, ha uno dei trend peggiori dell‘FTSE Mib da inizio anno con un saldo negativo del 41,49% (dato aggiornato alla chiusura di ieri).

* La stessa motivazione potrebbe spiegare anche il balzo di FONSAI FOSA.MI (+2,6%) e di FINMECCANICA SIFI.MI che da inizio anno hanno perso rispettivamente il 60% (il peggiore saldo dell‘FTSE Mib) e il 46,9%.

* Più in generale, oltre a Fonsai, tutto il settore assicurativo italiano ha evidenziato una buona performance, in controtendenza rispetto al resto d‘Europa. GENERALI (GASI.MI) è salita dello 0,77%, mentre fuori dall‘indice principale MILANO ASSICURAZIONI ADMI.MI ha guadagnato il 2,9% e Unipol (UNPI.MI) l‘1,64%.

* La galassia Fiat è rimasta ancora una volta in fondo al listino. FIAT INDUSTRIAL FI.MI, che ha subito il taglio del giudizio a ‘neutral’ da parte di Goldman Sachs, ha perso il 6,4%, mentre FIAT FIA.MI, che ha visto il broker tagliare il target price, ha ceduto il 4,3%. In deciso calo anche la controllante EXOR (EXOR.MI). I titoli hanno sottoperformato uno stoxx di settore già negativo .SXAP (-2,86%).

* Tra i titoli a minor capitalizzazione, ARKIMEDICA AKM.MI perde il 15,1% dopo il balzo di ieri.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below