10 agosto 2011 / 11:14 / 6 anni fa

Borsa Milano in lieve calo, male banche, ancora volatilità

MILANO, 10 agosto (Reuters) - Con la consueta volatilità che segna questa estate borsistica, Piazza Affari oscilla attorno alla parità a fine mattinata con un listino in precario equilibrio tra rialzi dei manifatturieri e netti cali dei finanziari.

L‘effetto trainante di Wall Street, e in particolare della promessa della Fed di mantenere i tassi all‘attuale livello, ha avuto corto respiro sulla borsa milanese, al contrario degli altri listini continentali, per il peso relativo dei titoli bancari il cui andamento non trova facili spiegazioni nelle sale operative.

“E’ difficile capire il motivo dei ribassi dei bancari. Ultimamente siamo abituati a leggere tutto in chiave ‘sovereign’ ma se consideriamo l‘intervento delle Bce sui titoli di Stato italiani non si capisce allora perchè ci sia un impatto positivo sul mercato del debito mentre l‘equity non segue”, commenta un analista del settore bancario.

Luca Grassadonia, fund manager di Prima Sgr, spiega di essere sottopesato sulle banche e di volere rimanere in questo assetto. “Essere sotto pesati sui finanziari europei è la scommessa più sicura” dice.

“Il costo del funding rimane il maggior problema per le banche italiane e la mossa della Bce non ha portato cambiamenti significativi” dice Alessandro Roccati, analista bancario a Macquarie.

Un altro analista parla di tensioni sui finanziari a causa del dibattito attorno alle dimensioni del fondo europeo di salvtaggio (Efsf) e ai dubbi del mercato sulla determinazione dei governi della zona euro di portare a compimento il piano concordato per calmare la crisi del debito.

“Le discussioni sul fondo europeo smorzano gli entusiasmi per l‘intervento delle Bce sul debito sovrano. Siamo in una situazione nella quale qualsiasi notizia che va a sollevare dubbi e proccupazioni sull‘andamento del processo di sostegno alla crisi del debito viene presa in modo molto negativo”, dice il secondo analista.

Un lieve sostegno arriva dalla notizia dell‘esito positivo dell‘asta italiana sul Bot a 12 mesi chiusa con rendimenti in discesa, aggiungono gli operatori sottolineando però che il beneficio è più sul clima generale attorno al debito italiano anzichè sui titoli bancari.

Intorno alle 12,45 l‘indice FTSE Mib .FTMIB perde lo 0,3%, evidenziamo l‘unico segno negativo tra i principali listini europei. L‘Allshare .FTITLMS è piatto, mentre il Mid Cap .FTITMC sale dello 0,6%.

Il benchmark europeo FtsEurofirst 300 .FTEU3 avanza di un punto percentuale. Tra le borse europee la migliore è Francoforte .GDAXI in rialzo di oltre il 2%.

* Tra i bancari milanesi UBI (UBI.MI) e INTESA SANPAOLO (ISP.MI) cedono oltre il 4%, UNICREDIT (CRDI.MI) il 3,7%, BANCO POPOLARE BAPO.MI, MPS (BMPS.MI) e POP MILANO PMII.MI attorno al 3%.

A livello europeo il settore bancario .SX7P si mantiene in lieve terreno positivo aiutato anche dalla buona performance di Commerzbank (CBKG.DE) i cui conti, scrutinati con attenzione dagli analisti, mostrano dettagli incoraggianti.

* Sul fronte dei rialzi si conferma il rimbalzo degli industriali come PIRELLI PECI.MI (+4,4%) e FIAT FIA.MI (+0,58%) con quest‘ultimo che ritraccia dai massimi di giornata.

“C’è un rigiro nei portafogli a favore dei ciclici e contro i bancari”, commenta un trader.

* In evidenza anche il continuo rally di TOD‘S (TOD.MI) (+6,8%) insieme all‘altro titolo del lusso LUXOTTICA (LUX.MI) (+2,75%) e di PARMALAT (PLT.MI) (+4,2%) mentre ritornnano gli acquisti su TELECOM ITALIA (TLIT.MI) dopo la debolezza di ieri.

* Il rialzo del greggio aiuta i petroliferi con SAIPEM (SPMI.MI) ancora sugli scudi (+2,7%) dopo il rimbalzo della vigilia seguito alle recenti vendite.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below