3 agosto 2011 / 16:03 / tra 6 anni

Borsa Milano chiude in calo dopo seduta volatile, timori debito

MILANO, 3 agosto (Reuters) - La borsa di Milano chiude in negativo una seduta volatile che ha visto l‘indice dei titoli principali fluttuare tra -2,6 e +1,4%.

Restano i timori sul debito pubblico, con i trader che hanno gli occhi puntati sullo spread Btp bund che nel finale di pomeriggio quota intorno a 370 punti base dopo un andamento altalenante.

Wall Street negativa nel pomeriggio ha favorito una nuova ondata di vendite. Gli indici a metà seduta erano sulla parità.

L‘intervento sulla crisi del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, inizialmente fissata per le 15, è stata spostata alle 17,30, a borsa chiusa.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB chiude in calo dell‘1,54%, l‘Allshare .FTITLMS dell‘1,4%.

Volumi per 3,4 miliardi di euro.

Deboli anche le altre piazze europee, Francoforte .GDAXI -2,3%, Madrid .IBEX -0,85%, Parigi .FCHI -1,9%.

L‘indice europe Ftse 100 cala del 2,34%.

* Tra le banche UNICREDIT (CRDI.MI), dopo un calo fino al 4,6% in avvio di seduta, chiude in rialzo dell‘1,8%. Aiutano i risultati che scontano l‘impairment sui titoli governativi greci ma si rivelano migliori dello stesso periodo del 2010 e delle aspettative degli analisti.

Gli altri titoli del comparto chiudono nel terreno negativo ad eccezione di MPS (BMPS.MI) che era ben intonato fin dalle prime battute. INTESA SANPAOLO (ISP.MI), arrivata a perdere fino al 5%, segna un ribasso del 2,76%.

* FIAT FIA.MI chiude in calo dell‘1,7%. Restano i timori sull‘andamento dell‘auto, soprattutto in Italia dopo il dato delle immatricolazioni di luglio, che, per ora, smentisce le attese di una ripresa nella seconda metà dell‘anno. Si guarda anche agli Usa dove Chrysler ha segnato un aumento del 20% delle vendite contro una crescita dell‘8-9% di Ford e GM.

* BREMBO (BRBI.MI) (+2,4%) rimbalza dopo i ribassi delle ultime sedute, generati dalle previsioni caute della società e dai timori sulla domanda nel settore. Il titolo sembra essersi assestato su questi livelli. Alcuni analisti giudicano eccessivo il ribasso dei giorni scorsi.

* TELECOM ITALIA TLT.MI positiva (+0,24%), grazie a un movimento di rimbalzo, dopo i minimi da oltre due anni delle scorse settimane. Il titolo non è lontanto dai livelli toccati il 12 luglio quando è sceso sotto 0,8, che non vedeva da marzo 2009. Il cda del gruppo approva i risultati giovedì 4 agosto.

* Anche PRYSMIAN (PRY.MI) positiva (+0,25%), dopo la promozione di Cheuvreux a “outperform”.

* Sul fronte opposto sono penalizzati i petroliferi, in sintonia con la debolezza del settore europeo .SXEP. SAIPEM (SPMI.MI) cede il 5%, ENI (ENI.MI) il 3,6%.

* Male anche STM (STM.MI) con un calo del 5,2%.

* Tra mid e small cap SAFILO (SFLG.MI) brilla con un +7,6% teorico (il titolo è in asta di volatilità) all‘indomani dei risultati del secondo trimestre, superiori alle attese, e alla proposta di nominare alla presidenza l‘ex numero uno di Gucci Robert Polet.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below