27 luglio 2011 / 11:04 / 6 anni fa

Borsa Milano ancora in ribasso su bancari, forte Impregilo

MILANO, 27 luglio (Reuters) - L‘incertezza sulla soluzione dei conti pubblici e il debito Usa e i persistenti dubbi sull‘efficacia del piano sulla Grecia continuano a tenere alta la tensione sui mercati azionari e Piazza Affari, più delle altre borse europee, soffre del peso dei bancari i più esposti a questi timori.

A dettare il passo delle vendite sulle banche è l‘allargamento dello spread Btp/Bund mentre per nuovi spunti su altri settori il mercato attende nuove indicazioni dalle trimestrali in arrivo.

“Non ci sono particolari novità, ci sempre gli stessi timori a livello macro, con la speculazione sulle banche pronta a partire ad ogni movimento degli spread”, commenta un‘operatrice.

“Adesso si inizia anche a temere sui conti e sui fondamentali delle banche. Il costo del finanziamento sale, i volumi scendono, il terzo trimestre potrebbe essere brutto”, aggiunge.

Attorno alle 12,45 l‘indice FTSE Mib .FTMIB è in calo del 2,1% con il relativo futures IFSc1 che perde l‘1,98% a 18.670 punti. L‘AllShare .FTITLMS arretra dell‘1,8% e il MidCap .FTITMC dell‘1,3%. Volumi attorno a 1,2 miliardi di euro. In Europa l‘indice benchmark FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede lo 0,4% circa mentre dai futures di Wall Street arrivano segnali di un avvio contrastato.

* Al centro del mirino delle vendite a Milano sono i titoli bancari che mostrano perdite superiori all‘indice europeo del settore: UBI (UBI.MI) perde i 4,9%, INTESA SANPAOLO (ISP.MI) il 4,7%, UNICREDIT (CRDI.MI) il 4,1%, BANCO POPOLARE BAPO.MI il 3,6% a fronte di un calo dell‘1,9% dello Stoxx .SX7P.

Nomura ha tagliato i target price dei principali istituti italiani per incorporare un rallentamento della crescita degli utili e gli aumenti di capitale, mentre in Europa Goldman Sachs (GS.N) ha effettuato un downgrade sul comparto a ”neutral“ da ”overweight.

Per la casa d‘affari Usa, dopo un iniziale ottimismo, di fronte ad alcuni elementi inclusi nel secondo piano di salvataggio della Grecia che erano al di sopra delle aspettative dei mercati, i dubbi hanno ripreso piede sui mercati.

* Vendite anche sugli assicurativi con GENERALI (GASI.MI) che perde il 6,7% e FONSAI FOSA.MI il 3% circa.

* In una giornata negativa per le auto europee colpita da alcuni segnali non incoraggianti provenienti da Peugeot (PEU.PA) e Daimler (DAIGn.DE), FIAT FIA.MI, già ieri sotto pressione per i timori sul debito emersi nella trimestrale, limita le perdite ad un punti percentuale circa.

“Il debito di Fiat non mi è sembrato per la verità molto preoccupante, ma con queste condizioni di mercato si teme per il costi del debito”, commenta un trader,

“Non è stata una cattiva trimestrale. La vera questione adesso è riuscire a capire quanto valore Fiat riuscirà ad estrarre da Chrysler”, ha aggiunto.

* Bene invece FIAT INDUSTRIAL FI.MI in progresso di oltre l‘1%. Un operatore riferisce di un upgrade da parte di un broker italiano dopo i risltati sopra le stime riporttate dalla società due giorninfa. Centrobanca ha invece mantenuto il rating “hold” limando il target price a 9,74 da 10 euro.

* Più intensi gli acquisti su è IMPREGILO IPGI.MI (+3,7%) favoriti dalle indiscrezioni stampa su un‘accelerazione dell‘ipotesi di riassetto dell‘azionariato. [ID:LDE76Q0O5]

* SNAM (SRG.MI) perde l‘1,6% senza reagire ai risultati del primo semestre appena annunciati.

* Tiene ANSALDO STS (STS.MI) (-0,3%) dopo lo scivolone di ieri sul taglio della guidance. Non riesce il rimbalzo di STM (STM.MI) in calo dell‘1%. * Tra i titoli a minore capitalizzazione balza di oltre il 4% DMT DMT.MI dopo che secondo una fonte vicina al dossier il Cda di domani, che approverà i risultati del secondo trimestre, affronterà anche il tema dell‘incorporazione in Elettronica Industriale (EI), controllata Mediaset , e darà con ogni probabilità il via libera all‘operazione. MEDIASET (MS.MI) è in leggero calo dello 0,6%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below