25 luglio 2011 / 10:49 / tra 6 anni

Borsa Milano ancora pesante in attesa Wall Street, giù banche

MILANO, 25 luglio (Reuters) - Piazza Affari tenta un timido recupero dai minimi della mattinata grazie ai rialzi di alcuni industriali e di qualche tema difensivo, ma permane il peso dei bancari per i timori di un default tecnico sul debito Usa e per il downgrade di Moody’s sulla Grecia.

Il clima di incertezza favorisce i realizzi ma i mercati azionari europei attendono l‘apertura di Wall Street per avere nuove indicazioni direzionali.

“La questione sull‘innalzamento del tetto del debito americano e le continue incertezze sul fronte del debito della zona euro, nonostante gli importanti passi fatti la settimana scorsa, hanno fatto scattare le vendite oggi”, dice un trader.

“Il sistema bancario europeo sta assistitendo ad un ritorno sgradito dei problemi di funding del secondo trimestre”, si legge in una nota di Ubs.

Al Congresso Usa Democratici e Repubblicani non hanno ancora trovato un accordo sull‘innalzamento del debito e hanno rimandato a oggi la prosecuzione delle trattative sollevando la minaccia di un default tecnico e di un possibile downgrade se non si troverà un‘intesa in vista della scadenza del 2 agosto.

Alle 12,25 circa l‘indice FTSE Mib .FTMIB perde l‘1,35% e il relativo futures IFSC1 l‘1,4% a quota 19.240 punti.

L‘AllShare .FTITLMS arretra dell‘1,2% e il MidCap .FTITMC del‘1,4%. Volumi attorno a 1,1 miliardi di euro. In Europa l‘indice benchmark FTSEurofirst 300 .FTEU3 perde lo 0,3% con Milano e Madrid .IBES le peggiori piazze continentali. Wall Street attesa in calo NDc1 DJc1 SPc1.

* I bancari sono i principali protagonisti, in negativo, della seduta odierna con ribassi tra il 3% e il 6% per tutti i big del settore: POP MILANO PMII.MI (-5,5%), BANCO POPLARE BAPO.MI (-5,6%) INTESA SANPAOLO (ISP.MI),(-5,2%) e UBI (UBI.MI) (-5,2%) sono le peggiori del comparto che in Europa .SX7P) cede quasi il 2%.

In controtendenza MEDIOBANCA (MDBI.MI) guadagna l‘1,2% dopo il via libera alla nuova governance che vede un rafforzamento dei poteri dei manager in tema di comitato nomine [ID:nLDE76L0TG]

* Colpiti anche gli assicurativi con GENERALI (GASI.MI) in calo del 2,7% circa e FONSAI FOSA.MI del 4,8%.

* Ribassi diffusi in altri settori tra cui gli editoriali con MEDIASET (MS.MI) che cede il 2,6% dopo il taglio del target price da parte di Rbs.

* Sul fronte positivo acquisti su FIAT INDUSTRIAL FI.MI (+1,2%) nel giorno dei dati semestrali che secondo un trader “sono attesi positivi”. Bene anche FIAT FIA.MI (+0,27%) attesa domani all‘appuntamento della semestrale.

* SAIPEM SPM.MI sale dell‘1,4% favorita dall‘annuncio di nuovi contratti per 800 milioni di dollari circa in Sud America e Africa Occidentale, in un contesto positivo per gli energetici difensivi come TERNA (TRN.MI) e SNAM (SRG.MI)

* Nel lusso LUXOTTICA (LUX.MI) avanza dello 0,7% sulla scia dell‘upgrade di Cheuvreux a “selected list” e in vista dei conti semstrali che sono attesi a borsa chiusa. Meglio TOD‘S (TOD.MI) a +1,2%.

* Fuori dal FTSE Mib MAIRE TECNIMONT TCM.MI perde oltre il 6% su prese di profitto dopo il balzo di oltre il 15% venerdì.

* Corre AICON BW1.MIm, in rialzo di quasi il 12% dopo la notizia che l‘azionista di maggioranza ha confermato il proprio sostegno finanziario per garantire le risorse per il rilancio della società.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below