29 giugno 2011 / 10:41 / tra 6 anni

Borsa Milano in deciso rialzo,spinta da ottimismo su voto Grecia

MILANO, 29 giugno (Reuters) - A metà giornata Piazza Affari viaggia in deciso rialzo, sostenuta dall‘ottimismo sull‘esito positivo del voto del parlamento greco sul piano d‘austerità, chiesto da Ue e Fmi per concedere i fondi necessari per impedire il default.

“Ci sono attese positive per il voto in Grecia” spiega un trader, sottolineando che però qualche dubbio resta altrimenti si assisterebbe a un rimbalzo più accentuato sia sul mercato azionario che su quello obbligazionario, dove lo spread tra i rendimenti dei titoli italiani e quelli dei bund è sceso sotto i 200 punti base.

L‘andamento di molti titoli è determinato, secondo l‘operatore, da un rimbalzo tecnico.

Attorno alle 12,30 l‘indice FTSE Mib .FTMIB guadagna l‘1,72%, l‘AllShare .FTITLMS l‘1,7% e il MidCap .FTITMC l‘1,75%. Volumi per un controvalore di 1,35 miliardi di euro.

Il futures sull‘indice principale IFSc1 segna +1,6%. * Proseguono gli acquisti di FONDIARIA-SAI FOSA.MI (+6,9%) e MILANO ASSICURAZIONI ADMI.MI (+12,3%), entrambe sotto aumento di capitale. Milano assicurazioni è inoltre aiutata dall‘upgrade di Chevreux, che mette in evidenza come il titolo difficilmente possa scendere ulteriormente.

I diritti di FonSai FOSA_r.MI balzano del 35% e quelli di Milano Assicurazioni ADMI_r.MI del 45%. La controllante PREMAFIN PRAI.MI sale di oltre il 2%.

* Rimbalza PRYSMIAN (PRY.MI) (+4,3%) dopo il calo di ieri.

* Bene anche IMPREGILO IPGI.MI (+2,7%) dopo che la Corte di appello di Firenze ha assolto nel processo sui danni ambientali legati ai lavori dell‘alta velocità Bologna-Firenze l‘attuale AD di Impregilo, Alberto Rubegni, che nel periodo 1998-2001 era a capo del consorzio Cavet, e tutti gli altri imputati. E’ stato anche cancellato il risarcimento da 150 milioni di euro a carico di Cavet, controllato al 75% da Impregilo. “Una notizia positiva e che segue quelle precedenti sui rifiuti in Campania”, commenta un trader.

* Il comparto bancario amplia i guadagni di ieri pomeriggio, sulla scia delle indicazioni positive sugli stress test degli istituti italiani.“Se confermate [le anticipazioni sull‘Eba], consideriamo queste come un segnale positivo per le banche italiane, in quanto l‘inasprimento dei criteri per la valutazione del rischio sovrano svelato dall‘Eba pochi giorni fa aveva accresciuto le preoccupazioni del mercato sulle chances per le banche italiane di superare gli stress test”, si legge nella nota mattutina di Mediobanca che rimane comunque cauta sulle banche italiane nel contesto del settore europeo.

* In particolare rimbalza MPS (BMPS.MI) (+4%) dopo le vendite di ieri, mentre INTESA SANPAOLO (ISP.MI) e UNICREDIT (CRDI.MI) registrano rialzi rispettivamente del 2,1% e dell‘1,6%. Il comparto europeo .SX7P segna un rialzo dell‘1,7%.

* Tonica TOD‘S (TOD.MI), che secondo un trader sale sulla scia di FERRAGAMO (SFER.MI), che nel primo giorno di quotazione segna un rialzo del 9,1% rispetto al prezzo di collocamento di 9 euro.

* MEDIASET (MS.MI) rimbalza dopo aver toccato un nuovo minimo da inizio 2009 sul taglio del target price a 2,5 euro da parte di Nomura.

* CAMPARI (CPRI.MI) in controtendenza cede il 2,4% dopo il rally di ieri.

* Tra i titoli a minore capitalizzazione, sale di oltre il 4% AEDES (AEDI.MI) sulla notizia della firma di un contratto preliminare per la cessione di un immobile da 8,5 milioni.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below