13 aprile 2011 / 16:07 / tra 7 anni

Borsa Milano chiude in leggero rialzo, forte Pirelli, giù banche

MILANO, 13 aprile (Reuters) - Chiusura in lieve rialzo a Piazza Affari che al termine di una seduta contrastata riesce a portare a casa un mini-rally nonostante la debolezza dei finanziari. Il listino milanese trova sostegno da alcuni industriali ed energetici ma le principali attenzioni del mercato sono rivolte ai bancari e alle ricapitalizzazioni in corso nel comparto.

“Altre banche italiane hanno bisogno di effettuare aumenti di capitale”, dice un trader che cita anche un report di Standard & Poor’s secondo cui diverse banche italiane dovranno rafforzare la struttura patrimoniale nel corso del 2011 [ID:nLDE73C0QG]

Nomura, in un report su Mps, la terza banca banca italiana che ha annunciato recentemente un aumento di capitale, sostiene che “a parte l‘effetto tecnico di ‘overhang’ che l‘ondata di nuovo capitale causerà in Italia, crediamo che la bassa redditività del settore sia la principale ragione per avere un atteggiamento cauto sulle banche italiane”.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB termina in rialzo dello 0,36%, l‘AllShare .FTITLMS dello 0,37%,mentre il MidCap .FTITMC sale dello 0,35%. Volumi per circa 2 miliardi di euro.

Il paniere benchmark europeo FTSEurofirst 300 .FTEU guadagna lo 0,73% mentre a Wall Street gli indici viaggiano in terreno positivo.

* Fra le blue chip seduta brillante per PIRELLI PECI.MI (+2,6%) spinta dell‘annuncio della vigilia di un aumento dei prezzi dei pneumatici [ID:nLDE73C0SY]

* Ben comprata ATLANTIA (ATL.MI) (+2,47%) anche grazie ad un report di Nomura che conferma il rating “buy” e il target price a 24,50 euro sostenendo che la società “sta compiendo buoni progressi in diversi campi che dovrebbero diventare maggiormente visibili nel corso dell‘anno e che dovrebbero offrire sostanziale valore nel lungo periodo”.

* Tonica DIASORIN (DIAS.MI) con un rialzo dell‘1,75% che i trader riconducono a un report di Intermonte che ha promosso il titolo a “outperform” fissando un prezzo obiettivo di 37,7 euro.[ID:nLDE73C0PO]

* Cementieri in evidenza in tutta Europa sostenuti dall‘upgrade di Exane Bnp Paribas che definisce brillanti le prospettive del comparto. A Milano BUZZI UNICEM (BZU.MI) sale del 2,3% e CEMENTIR (CEMI.MI) del 3% circa a fronte di un +1,7% dello Stoxx settoriale .SXOP

* ENEL (ENEI.MI) beneficia dell‘intonazione positiva del settore dei servizi di pubblica utilità in Europa - insieme a A2A (A2.MI) ma anche di una promozione a “outperform” da Credit Suisse.[ID:nLDE73C10T].

* Bene anche gli altri energetici A2A (A2.MI), SAIPEM (SPMI.MI), TERNA (TRN.MI) e SNAM (SRG.MI). Nel comparto industriale i più gettonati sono FIAT INDUSTRIAL FI.MI e PRYSMIAN (PRY.MI). * Tra i bancari POP MILANO PMII.MI è la peggiore con un calo dell‘1,55% mentre è in corso un Cda sulle risultanze dell‘ispezione di Bankitalia. In un‘intervista al Corriere della Sera il vicepresidente dell‘istituto, Graziano Tarantini, ha riaperto all‘ipotesi di un aumento di capitale dopo che è stato bocciato in consiglio qualche settimana fa, anche se ha sostenuto che non è l‘unica via per rafforzare il patrimonio.

La debolezza del settore alimenta i realizzi su MPS (BMPS.MI) (-1,35%) dopo la presentazione ieri del nuovo piano industriale al 2015, che Nomura definisce “credibile”. Lo stesso broker ha ribadito il rating “neutral” sull‘istituto senese con target price di 1 euro.

BANCO POPOLARE BAPO.MI scende dell‘1,1%, mentre UBI (UBI.MI) e UNICREDIT (CRDI.MI) lasciano sul terreno mezzo punto percentuale circa. Nel resto dei finanziari FONSAI FOSA.MI perde l‘1,7% e la controllante PREMAFIN PRAI.MI> oltre il 2%.

“Non vedo niente di particolare. Tra speculazioni e rumors Fonsai e Premafin sono stati forti, quindi ora tornano un po’ indietro”, dice un trader

* Lieve calo per TELECOM ITALIA (TLIT.MI) (-0,28%) dopo aver lasciato sul terreno un abbondante punto percentuale ieri. L‘assemblea ha votato i dodici consiglieri indicati da Telco, lasciando fuori la Findim della famiglia Fossati.

* Fuori dal paniere principale avanza di circa il 3% UNIPOL (UNPI.MI) sulla scia dell‘accorciamento della catena di controllo del gruppo bolognese deciso ieri dal Cda di Holmo. [ID:nLDE73C0VQ]

* Tra le small e mid cap, nuovo balzo a due cifre per FULLSIX (FUL.MI) (+17,9%): ieri si è tenuta l‘udienza di precisazione delle conclusioni relativa alla causa promossa dalla società nei confronti, fra gli altri soggetti, di Wpp (WPP.L).

* BIANCAMANO (BIAN.MI) guadagna quasi l‘8% dopo che Centrobanca ha avviato la copertura con “buy” e target price 2,56 euro.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below