29 marzo 2011 / 11:13 / tra 7 anni

Borsa Milano vicina minimi con banche, bene difensivi, Telecom

MILANO, 29 marzo (Reuters) - Piazza Affari si avvia a chiudere la mattinata vicina ai minimi di seduta appesantita dai bancari, che a loro volta trascinano al ribasso il settore europeo.

Il tema del giorno in borsa è l‘annuncio, a sorpresa secondo un coro di analisti e trader, di una prossima ricapitalizzazione di Ubi Banca. A questo punto, si fa notare sul mercato, altri dovranno seguire l‘esempio di Ubi.

La notizia dell‘aumento di Ubi “di fatto ha alzato i livelli di capital ratio delle banche italiane. Probabilmente ci si aspetta che anche altre banche facciano lo stesso”, commenta un operatore.

Intorno alle 12,30 l‘indice FTSE Mib .FTMIB cede l‘1,37%, l‘Allshare .FTITLMS l‘1,22%, l‘indice Mid Cap .FTITMC segna una flessione dell‘1,15%. Volumi per 1,6 miliardi di euro. Il futures giugno sul Ftse Mib IFSc1 ha rotto il supporto a 21.500. Wall Street attesa in leggero rialzo NDc1 DJc1 SPc1.

* UBI (UBI.MI) cede intorno al 10% dopo l‘annuncio a sorpresa dell‘aumento fino a 1 miliardo entro l‘estate. [ID:nLDE72S0JX]

* MPS (BMPS.MI) era partita brillante (+2%) per poi frenare sull‘attesa di una prossima ricapitalizzazione. Il management, oggi in occasione dei risultati, ha detto che un‘eventuale decisione degli azionisti di procedere a un aumento di capitale per rimborsare in anticipo i Tremonti bond dovrebbe precedere la richiesta del rimborso anticipato rispetto al 2012. [ID:nWEA1351]. A proposito dei dati, un analista, che ribadisce “underperform” sul titolo, spiega che al netto delle voci straordinarie la qualità del risultato netto è debole, con ricavi inferiori del 4% alle aspettative.

* Rimanendo nel settore, viene particolarmente colpita dalle vendite anche BANCO POPOLARE BAPO.MI, una performance inspiegabile secondo un trader. “Ha già chiuso un grosso aumento di capitale, ha raggiunto un accordo con il fisco, ha risolto i problemi su Italease. Era uno dei titoli su cui avevo visto un maggiore riposizionamento di recente grazie al flusso di notizie positive”, spiega.

* POP MILANO PMII.MI cede oltre il 6%. Oggi cda sui conti. Il mercato, stando anche alle indiscrezioni stampe odierne, non esclude una ricapitalizzazione intorno a 500-600 milioni.

* Tranquilla FIAT FIA.MI, un po’ meglio del comparto europeo .SXAP. Oggi ha annunciato un bond 5 anni benchmark.

* Nel paniere principale pochi acquisti di natura soprattutto difensiva, come su TELECOM ITALIA (TLIT.MI), in rialzo dello 0,9% circa, sovraperforma lo stoxx .SXKP, uno dei comparti migliori in Europa comunque.

* Positivi anche ENEL (ENEI.MI), TENARIS (TENR.MI), SNAM (SRG.MI), A2A (A2.MI).

* Tra i minori, brilla BIALETTI (BIA.MI). E’ del 25 marzo, ma è stata rilanciata oggi su Mf con grande enfasi, la notizia secondo cui il gruppo bresciano è stato chiamato a rinegoziare i covenant sul debito con i creditori. Il cda ha rinviato l‘approvazione del bilancio in attesa di chiudere la trattiva ed elaborare un nuovo piano industriale.

* Proseguono le massicce vendite su CENTRALE LATTE TORINO CLT.MI, nei giorni scorsi protagonista di un vivace rialzo sulla scia della vicenda Parmalat e sul rafforzamento nel capitale di B&E Equities.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below