21 marzo 2011 / 10:06 / 7 anni fa

Borsa Milano positiva, netto calo Fondiaria, Milano, Parmalat

MILANO, 21 marzo (Reuters) - La Borsa Milano è positiva sotto i massimi con il resto d‘Europa, in un mercato che prosegue il rimbalzo, ma è cauto sugli sviluppi sulla crisi nucleare giapponese e sul conflitto in Libia.

Nella centrale nucleare di Fukushima Daiichi, danneggiata dal terremoto e dallo tsunami di 10 giorni fa, gli ingegneri sono riusciti a collegare alla rete elettrica tutti e sei i reattori, ha annunciato l‘operatore Tokyo Electric Power.

Le potenze occidentali hanno lanciato una seconda ondata di attacchi aerei sulla Libia nelle prime ore di oggi, dopo aver bloccato l‘avanzata delle forze di Muammar Gheddafi su Bengasi e aver colpito le difese aree per consentire ai loro velivoli di pattugliare i cieli del paese nordafricano senza pericoli.

Alle 10,50 FTSE Mib .FTMIB e AllShare .FTITLMS +0,8%.

Scambi per circa 800 milioni di euro.

* PARMALAT (PLT.MI) è penalizzata da prese di beneficio dopo i recenti rialzi e dal raffreddarsi dell‘appeal speculativo sulla scia del provvedimento preannunciato dal governo a difesa delle imprese strategiche italiane. Cede il 2,5% a 2,534 euro. Un broker italiano dice che la battaglia per il nuovo consiglio potrebbe muovere ancora il prezzo delle azioni fino al primo aprile e indica sui fondamentali un giudizio “neutral” con prezzo obiettivo a 2,57 euro.

* FONDIARIA SAI FOSA.MI, MILANO ASSICURAZIONI sono in deciso ribasso, dopo che i giornali nel fine settimana hanno descritto il piano di Unicredit per la ricapitalizzazione del gruppo. Scambi elevati sulla Milano, mentre continua il rialzo di PREMAFIN PRAI.MI. Dopo le notizie viene a mancare il sostegno della speculazione su Fondiaria, mentre pesa la ricapitalizzazione della controllata Milano Assicurazioni. Fondiaria perde il 3,3%, scambi a 1,1 milioni di pezzi da una media giornaliera di 2,2 milioni. Milano Assicurazioni cala del 3,6%, scambi a 2,6 milioni, media a 3,1 milioni. Premafin sale del 2% con scambi per 2000.000 pezzi, media a 290.000.

* MEDIOBANCA (MDBI.MI) si muove in linea con l‘indice, ignorando le affermazioni di Vincent Bollorè che dice di non essere intenzionato a cedere la sua partecipazione. Diego della Valle aveva detto provocatoriamente di essere pronto a rilevare la sua quota. Anche GENERALI (GASI.MI) oggetto del contendere nella diatriba tra soci italiani e francesi si muove in linea con il mercato.

* BANCARI positivi, lieve calo per MPS (BMPS.MI).

* MONDADORI (MOED.MI) in rialzo di quasi il 4% in vista dei risultati oggi.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below