11 marzo 2011 / 10:24 / 7 anni fa

Borsa Milano consolida calo,finanziari deboli,balza Lottomatica

MILANO, 11 marzo (Reuters) - Prosegue la debolezza a Piazza Affari in un clima incerto su tutte le borse europee dopo il violento terremoto in Giappone e le rinnovate tensioni in Medio Oriente.

Pochi spunti di rilievo sul listino milanese che registra una lettera diffusa, mentre in controtendenza si distingue Lottomatica

Alle 11,15 circa l‘indice FTSE Mib .FTMIB perde l‘1,16% l‘AllShare .FTITLMS l‘1,07% mentre il MidCap .FTITMC perde lo 0,5%. Volumi per 900 milioni di euro circa.

* I pochi acquisti sono concentrati su LOTTOMATICA LTO.MI che balza del 2,9% dopo che ieri il gruppo ha dato indicazioni positive sull‘andamento dei primi due mesi dell‘anno.

Cheuvreux ha promosso il titolo a “selected list” dal precedente giudizio di “outperform”, con target a 15 da 12,5 euro, perchè la buona performance di gennaio e febbraio “dà peso alle guidance del 2011”.

* In un contesto assicurativo europeo sotto tensione per il sisma giapponese che ha provocato danni sulla terraferma e uno tsunami in molte aree del Pacifico, GENERALI (GASI.MI) perde il 2%, meno dell‘indice Stoxx deo comparto SXIP che cede il 2,6%

* I titoli della galassia Ligresti soffrono dell‘assenza di novità sulle prossime mosse di Groupama: FONDIARIA-SAI FOSA.MI e PREMAFIN PARI.MI, in linea con l‘andamento della vigilia, sono in calo rispettivamente dello 0,9% e del 2,3%, mentre sembra perdere forza la speculazione che aveva tenuto banco nelle ultime sedute relative all‘ipotesi di vendita di MILANO ASSICURAZIONI ADMI.MI che segna un rialzo dello 0,2%.

* In altri settori, FINMECCANICA SIFI.MI perde l‘1,8%, TOD‘S (TOD.MI) il 2% e STMICROELECTRONICS (STM.MI) l‘1,5%.

* Tra i titoli bancari, i peggiori sono BANCO POPOLARE BAPO.MI (-2,2%) e UBI (UBI.MI) (-1,7%) mentre segnano perdite decisamente più contenute UNICREDIT (CRDI.MI) (-0,6%) e MEDIOBANCA (MDBI.MI) (-0,8%).

* ENI (ENI.MI) è in calo in linea con il mercato dopo la presentazione delle strategie ieri a Londra che secondo una nota di Mediobanca “dovrebbe avere contribuito a dissipare i timori degli investitori sul profilo di crescita del gruppo”.

* Tra i titoli minori bene PININFARINA (PNNI.MI) - in rialzo dell‘1,7% - dopo l‘intesa con il gruppo Bollorè sulle auto elettriche destinate a progetto parigino Autolib.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below