2 marzo 2011 / 16:58 / 7 anni fa

Borsa Milano chiude piatta, meglio di Europa, spunti su Telecom

MILANO, 2 marzo (Reuters) - Indici praticamente invariati a Piazza Affari che, tuttavia, dopo un‘apertura negativa ha registrato un andamento migliore di quello delle altre borse europee beneficiando di un robusto balzo di Telecom Italia.

Sui mercati resta alta la cautela per l‘incertezza della situazione in Medio Oriente e Nord Africa e per le continue tensioni sul petrolio. “C’è tanta volatilità e pochi ordini. In complesso si può parlare di una seduta senza grandi temi”, sintetizza un trader.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB finisce salendo dello 0,05%, ben sotto i massimi, l‘AllShare .FTITLMS dello 0,01%. Volumi per circa 3 miliardi di euro nel finale.

* Nel paniere principale FIAT FIA.MI fra i peggiori con un calo dello 0,83% dopo i deludenti dati sulle immatricolazioni diffusi ieri e in un contesto dei debolezza per tutto il comparto auto europeo (Stoxx .SXAP -1,7%). Un poco meglio FIAT INDUSTRIAL FI.MI (-0,15%). La società, nata dallo spinoff del settore non auto, punta ad azzerare il debito entro il 2013 secondo le slide preparate per incontri con il mercato.

* Bancari in lettera con MPS (BMPS.MI) in calo dello 0,94%, INTESA SANPAOLO (ISP.MI) (+0,08%), BANCO POPOLARE BAPO.MI (-0,65%) e UNICREDIT (CRDI.MI) (+0,2%). Secondo una nota di Mediobanca crescono le probabilità di ricapitalizzazione per alcune banche italiane, quali Mps, Pop Milano e Intesa Sanpaolo.

* Perdite anche tra gli assicurativi: GENERALI (GASI.MI) cede lo 0,62%. Pesante PREMAFIN PRAI.MI, 2,82% in attesa dela risposta Consob al quesito Groupama che potrebbe arrivare alla fine di questa settimana, a fronte di un leggero calo della controllata FONSAI FOSA.MI (-0,15%).

* Anche gli industriali non sono esenti dal debole sentiment di mercato: FINMECCANICA SIFI.MI, cedente in attesa dei conti. Fa peggio la controllata ANSALDO STS (STS.MI) (-1,09%) dopo i risultati e stime diffuse ieri e illustrati dal management stamani. Nella peggiore delle ipotesi, la società potrebbe vedere cancellati ordini per 660 milioni di euro in Libia ma non ci sarebbe impatto sul risultato netto

* Nel FTSE MIb si distingue in positivo TELECOM ITALIA (TLIT.MI) (+2,42%) sulla scia dei dati 2010 e dei nuovi obiettivi del piano industriale, mentre alcuni trader riferiscono di un rialzo del target price da parte di un broker estero. “Telecom è l‘unico tema di oggi. Il titolo continua a salire dopo i positivi risultati”, dice un trader.

* Nel settore dell‘energia, deboli ENI (ENI.MI) ed ENEL (ENEI.MI), mentre la controllata di quest‘ultima EGP EGPW.MI ha strappato anche oggi con un balzo del 2,83%. Il ministro allo Sviluppo Economico, Paolo Romani, ha confermato che il governo è al lavoro per un decreto legislativo sulle fonti energetiche rinnovabili che garantisca incentivi al settore e il taglio di sprechi nelle bollette dei cittadini.

Bene anche TERNA (TRN.MI) (+0,42%) considerato un “classico tema difensivo”, come ricorda un trader.

* Tra i minori svetta MONTI ASCENSORI MSA.MI in salita del 21,8%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below