21 febbraio 2011 / 10:23 / 7 anni fa

Borsa Milano in forte calo su effetto Libia, Eni -4%, giù banche

MILANO, 21 febbraio (Reuters) - Effetto Libia sulle borse europee e, in particolare su quella milanese, dato che l‘Italia è considerata il paese più esposto a quanto sta succedendo nel Nordafrica.

Vendite copiose su tutto il listino e in modo particolare sulle società energetiche, a cominciare da Eni.

“Il mercato italiano perde maggiormente perché il Paese è il più esposto: in Italia ci sono società partecipate dai libici e società che fatturano in quel Paese. Eni è il principale operatore internazionale. Questo spiega il ribasso del mercato”, osserva un trader.

Poco dopo le 11,00 l‘indice FTSE MIb .FTMIB cede l‘1,84%, l‘Allshare .FTITLMS l‘1,8%. Volumi pari a poco più di un miliardo di euro. Wall Street è chiusa per festività.

* La peggiore del listino è ENI (ENI.MI) che perde il 4% a 17,63 euro a fronte dello stoxx europeo oil&gas in calo dello 0,8%. Un portavoce del gruppo ha detto che la produzione nel Paese continua e non ci sono cambiamenti rispetto alle ultime 24 ore. Il mercato teme un impatto sulla produzione, così come sulle forniture di gas dalla situazione nel paese. Giù tutta la galassia Eni: SAIPEM SPMI.Mi arretra del 2,3%, mentre SNAM (SRG.MI) cede lo 0,5%.

In scia, male anche EDISON EDN.MI che cede il 2%: qui si pensa alle forniture di gas con l‘algerina Sonatrach.

FINMECCANICA SIFI.MI -0,79% partecipata da Lia, ma anche presente nel Paese con diversi progetti. Va peggio IMPREGILO IPGI.MI che perde circa il 5%. Il gruppo ha varie commesse nel Paese. In calo del 4,2% anche ASTALDI AST.Mi anche se il gruppo ha precisato di non avere commesse libiche ma di essere presente in Algeria.

* Giù anche le banche, con in testa INTESA SP <ISP:MI> (-2,96%) e UNICREDIT (CRDI.MI), che cede il 3% circa. La banca di Piazza Cordusio è partecipata per il 4,988% dalla Banca centrale libica e per il 2,59% dalla Lia.

* In controtrend sale STM (STM.MI) (+1,82%), poco mossa TELECOM (TLIT.MI).

* FIAT FIA.MI in calo dell‘1,3%, giù assicurativi ed editoriali.

* Fra i minori vendite anche su AS ROMA (ASR.MI) (-2,07%) dopo la sconfitta di ieri in campionato e l‘esonero dell‘allenatore. Stessa sorte anche per la JUVENTUS (JUVE.MI) (-2.4%).

Giancarlo Navach

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below