14 febbraio 2011 / 12:15 / 7 anni fa

Borsa Milano cedente a fine mattina, paga debolezza banche

MILANO, 14 febbraio (Reuters) - Piazza Affari termina la mattinata con un segno negativo, frutto di un persistente ipercomprato ma anche della debolezza del comparto bancario dopo un report in cui il broker Citi ha declassato alcuni big.

Intorno alle 13 l‘indice FTSE Mib .FTMIB cede lo 0,23%, l‘Allshare .FTITLMS lo 0,17%, lo Star .FTSTAR lo 0,20%. Volumi affatto brillanti pari a 1,16 miliardi.

* Anche BANCO POPOLARE BAPO.MI, tonica per tutta la mattinata, cede alla lettera dei bancari che colpisce tutti i big come INTESA (ISP.MI), UNICREDIT (CRDI.MI) o UBI (UBI.MI).

* Positiva FIAT FIA.MI, è cedente FIAT INDUSTRIAL FI.MI. Oggi Daimler ha smentito colloqui su Iveco.

* Proseguono gli acquisti su BUZZI (BZU.MI) da diverse sedute sotto i riflettori. Riscoperti alcuni titoli trascurati di recente come PRYSMIAN (PRY.MI) e AUTOGRILL (AGL.MI).

* MERIDIANA MEF.MI sale del 10% dopo aver di fatto confermato colloqui con Alitalia per una possibile partnership.

* ASTALDI (AST.MI) balza a +3% dopo i risultati del 2010 che vedono un utile netto in crescita del 12% a 62,6 milioni euro.

* La LAZIO (LAZI.MI) festeggia con un +2,5% la vittoria esterna a Brescia e il consolidamento del terzo posto in campionato.

Gianluca Semeraro

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below