31 gennaio 2011 / 12:32 / tra 7 anni

Borsa Milano in moderato ribasso, pesa Eni

MILANO, 31 gennaio (Reuters) - Piazza Affari si mantiene in moderato ribasso, in linea con le altre borse europee.

Sul mercato azionario del Vecchio Continente pesano le tensioni in Egitto e i timori che la crisi possa diffondersi in altri paesi dell‘area e innescare un ulteriore aumento del prezzo del petrolio.

Il lieve recupero di parte del settore bancario non è sufficiente a portare in positivo il principale listino italiano, zavorrato da Eni (-1,5%).

Intorno alle 13,05 l‘indice FTSE Mib .FTMIB cede lo 0,43%, l‘AllShare .FTITLMS lo 0,51% e il MidCap .FTITMC l‘1,02%. Volumi per un controvalore di circa 1,5 miliardi di euro. Wall Street attesa poco mossa.

* Le tensioni geopolitiche al di là del Mediterraneo pesano soprattutto su ITALCEMENTI ITAI.MI (-3,4%). “Sono un po’ esposti sull‘Egitto” spiega un trader. In calo anche gli altri cementieri, da BUZZI (BZU.MI) a CEMENTIR HOLDING (CEMI.MI), e le costruzioni, con IMPREGILO IPGI.MI peggior titolo del paniere principale (-2,7%).

* In calo dell‘1,5% FIAT FIA.MI. Un trader nota che, dopo i dati diffusi la scorsa settimana, la casa automobilistica continua a essere sotto pressione, anche se sottolinea come potrebbero essere più ragioni di tipo tecnico a trascinare verso il basso il titolo, salito molto nelle prime settimane dell‘anno. La partecipata Chrysler ha dato il proprio outlook sul 2011. Il settore automotive è in ribasso in tutta Europa .SXAP (-1,5%).

* Il comparto bancario registra un parziale recupero, con BANCO POPOLARE BAPO.MI e INTESA SP ISP passate in territorio positivo. MPS BMPS è vicina alla parità, mentre MEDIOBANCA (MDBI.MI) cede l‘1,4%.

* In controtendenza DIASORIN (DIAS.MI), che guadagna il 2%, beneficiando dell‘avvio della copertura da parte di Societe Generale con “buy” e un target price di 44 euro.

* Accelera PARMALAT (PLT.MI), in rialzo dell‘1,8%.

* FINMECCANICA in lieve rialzo, aiutata dall‘upgrade di Goldman a “neutral” e dall‘innalzamento di target price a 10 da 8,5 euro. Il broker sottolinea che, mentre l‘outlook sugli utili resta difficile, due fattori potrebbero limitare la discesa del titolo a breve termine: il possibile cambio al vertice della società ad aprile e una riduzione di premio al rischio sul mercato azionario italiano.

* LUXOTTICA (LUX.MI) (-1,7%) è invece appesantita dal taglio di rating da parte di Exane Bnp Paribas.

* Tra i titoli a minore capitalizzazione, in asta di volatilità INVESTIMENTI E SVILUPPO IES.MI, con un rialzo del 14,9%.

* Sale di oltre l‘8% ANTICHI PELLETTIERI AP.MI. Secondo Plus il gruppo coreano E.Land è a un passo dall‘acquisto di Mosaicon, partecipata al 35% dalla società italiana. Le offerte vincolanti per la società sarebbero attese per le prossime settimane.

* Sale dell‘1,5% TELECOM ITALIA MEDIA TMC.MI, che venerdì ha annunciato due nuovi contratti di ospitalità su banda digitale.

* In calo di oltre il 4% YORKVILLE BHN BY.MI, che venerdì ha annunciato il niente di fatto dell‘offerta su Investietico, e GABETTI (GABI.MI).

Elisa Anzolin

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below