17 gennaio 2011 / 17:09 / tra 7 anni

Borsa Milano chiude debole, male B.Popolare, sale Finmeccanica

MILANO, 17 gennaio (Reuters) - Dopo quattro sedute di rialzi Piazza Affari si prende una pausa di riflessione e avvia la nuova settimana con una seduta all‘insegna della cautela.

Senza la guida di Wall Street, oggi chiusa per festività, i mercati attendono gli sviluppi delle discussioni dell‘Eurogruppo sull‘allargamento del fondo di salvataggio e si rifugiano nei titoli industriali come Finmeccanica, Pirelli e le Fiat, trascurando i finanziari.

“Si rimane molto cauti sulle banche che comportano un grado di rischio maggiore preferendo altri settori”, dice un operatore.

L‘indice Ftse Mib .FTMIB perde lo 0,54%, l‘AllShare .FTITLMS lo 0,53%, MidCap .FTITMC lo 0,15%. Volumi per poco meno di due miliardi di euro.

* Corre FINMECCANICA SIFI.MI in rialzo del 2,3%, dopo l‘annuncio di due contratti: uno attraverso la joint venture SuperJet International (Alenia Aeronautica e Sukhoi Holding) siglato con la messicana Interjet per l‘acquisto di 15 Sukhoi Superjet 100 dal valore di 650 milioni di dollari; l‘altro attraverso AgustaWestland con il ministero della Difesa britannico dal valore di circa 570 milioni di sterline.

* Acquisti su FIAT INDUSTRIAL FI.MI (+2,87%) così come su PIRELLI PECI.MI (+1,79%) e FIAT FIA.MI (+0,75%), quest‘ultima dopo il via libera all‘accordo per lo stabilimento di Mirafiori.

Gli analisti sottolineano la vittoria di misura dei sì, ma ritengono che il piano Fabbrica Italia, di cui Mirafiori rappresenta un passo importante, sia l‘unico modo per restituire redditività alla parte europea di Fiat.

La notizia sul referendum “rappresenta inoltre un ulteriore passo per l‘integrazione Fiat-Chrysler”, sostiene Banca Akros che però, per gli aspetti negativi, aggiunge come questo “potrebbe limitare ulteriormente le possibilità di una vendita di Alfa Romeo”

* Pirelli è sostenuto da giudizi positivi per le buone prospettive del business principale a cui si aggiungono oggi i risultati sopra le attese del produttore finlandese di pneumatici invernali Nokian Renkaat (NRE1V.HE).

* Bene TERNA (TRN.MI) e PARMALAT (PLT.MI). Tra i pochi titoli positivi del paniere principale da sottolineare inoltre il leggero rialzo di TENARIS (TENR.MI) (+0,6%) dopo la smentita all‘ipotesi di revisione al ribasso delle stime, circolata sul mercato la scorsa settimana e che aveva fortemente penalizzato il titolo.

La società ha detto che non risultano eventi particolari che possano modificare in modo significativo l‘andamento della società rispetto a quanto già reso noto.

* Sul fronte dei ribassi BANCO POPOLARE BAPO.MI chiude a -2,9% il primo giorno di aumento di capitale da 2 miliardi. I diritti di opzione BAPO_r.MI cedono il 17,7% a 0,7485 euro.

“Valutiamo positivamente l‘aumento di capitale che, insieme alle altre operazioni precedentemente effettuate dal management, comporta notevoli benefici sui coefficenti patrimoniali del gruppo che risultavano tra i più bassi del settore”, dice Lorenzo Lanfossi, analista settore equity di Axia.

“Preferiamo comunque rimanere prudenti sul titolo di cui abbiamo un rating ‘hold’ anche perchè il gruppo evidenzia un‘esposizione verso il settore immobiliare superiore alla media”, aggiunge.

* FONDIARIA SAI FOSA.MI cede il 2,45%. Corregge dopo i forti rialzi della scorsa settimana sulle ipotesi speculative legate all‘interesse di Groupama.

* MEDIASET (MS.MI) perde il 2,2% dopo che BofA Merril Lynch ha rivisto al ribasso il rating sul titolo a “underperform” con un target price di 4,3 euro citando “il debole andamento operativo, la pressione competitiva e l‘incertezza politica”, nonostante il titolo tratti “con uno sconto del 15% sugli altri titoli del settore e offra un dividend yield del 7,5%”.

* Tra gli altri titoli per i quali inizia oggi l‘auamento di capitale, RISANAMENTO (RN.MI) perde il 7% il e GABETTI (GABI.MI) l‘1,57%.

* PININFARINA (PNNI.MI) torna a salire (+1,2%). Il titolo ha segnato forti rialzi nelle ultime sedute sull‘ipotesi che Vincent Bollorè salga al 30% del capitale. Pininfarina ha guadagnato il 63% da inizio anno sulle voci di interesse da diverse parti per il gruppo. Nei giorni scorsi la società ha detto che il processo di vendita è ancora a uno stadio “assolutamente iniziale”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below