14 gennaio 2011 / 12:38 / tra 7 anni

Borsa Milano in calo in attesa Usa, cede Fonsai, corre Atlantia

MILANO, 14 gennaio (Reuters) - Piazza Affari è in cerca di direzione e attende in lieve calo, allineata all‘andamento delle altre borse europee, possibili segnali direzionali dai dati Usa e dall‘avvio di Wall Street, dove i futures si muovono in territorio negativo. La seduta milanese odierna evidenzia tuttavia singoli spunti, in particolare è da segnalare il rialzo di Atlantia (ATL.MI), nel giorno in cui gli spagnoli di Abertis (ABE.MC) hanno collocato la loro quota nell‘operatore di circa il 6,7%. Sul fronte negativo, Tenaris (TENR.MI) continua a soffire a cauda delle voci di warning sul quarto trimestre.

“Il mercato si muove in laterale ma ci sono alcuni titoli ben comprati”, dice un trader, citando, tra gli altri, Atlantia e Ansaldo Sts.

“Aspettiamo i dati americani del pomeriggio”, aggiunge un altro trader. L‘agenda macro americana di oggi prevede, tra gli altri, il dato Core Cpi di dicembre, le vendite al dettaglio e la produzione industriale.

Intorno alle 13,10 l‘indice Ftse Mib .FTMIB cede lo 0,14%, il Ftse AllShare .FTITLMS lo 0,18%, mentre il MidCap .FTITMC flette dello 0,45%. Volumi per 1,6 miliardo di euro.

* Si rafforza ATLANTIA (ATL.MI), in rialzo di oltre il 4% grazie al fatto che il tanto atteso collocamento della quota di Abertis ha eliminato il rischio di overhang che gravava sul titolo e apre la possibilità agli investitori di potersi riposizionare.

Secondo i trader il placement della quota si è concluso ad un prezzo di 15,6 euro per azione, nella parte alta della forchetta. * Forte ANSALDO STS (STS.MI) +1,5% che beneficia del “buy” con il quale BofA Merrill Lynch cha avviato la copertura sul titolo, secondo quanto riferito da un trader.

* In recupero i bancari, ma BANCO POPOLARE BAPO.MI è in calo (-3,2%) alla vigilia dell‘avvio dell‘aumento di capitale da due miliardi.

* Nel resto dei finanziari FONSAI FOSA.MI perde il 3,5%. Un trader cita “realizzi” dopo il forte balzo di ieri sulle dichiarazioni di Groupama sui piani per rilevare il 17-20% del capitale.

“Sul titolo c’è forte trading e tutti si mettono in scia ad ogni segnale di movimento del titolo”, commenta un altro operatore.

Nel resto della galassia Ligresti, PREMAFIN PRAI.MI perde il 3% e MILANO ASSICURAZIONI ADMI.MI l‘1%.

* FIAT FIA.MI sale dell‘1% nel giorno in cui si chiude il referendum tra i lavoratori per l‘accordo sulle nuove condizioni di lavoro nello stabilimento di Mirafiori.

“Non credo che l‘esito del referendum possa cambiare le sorti del titolo ma c’è comunque molta attenzione”, commenta un operatore.

In territorio negativo FIAT INDUSTRIAL FI.MI (0,6%) mentre la holding a monte, EXOR (EXOR.MI), cede il 2,6% dopo che Exane ha tagliato il giudizio a “neutral” da “outperform”.

* Ancora negativa TENARIS (TENR.MI) (-2,3%) ma sembra allentarsi la forte pressione negativa sul titolo scaturita dalle voci di mercato, diffuse ieri sul finale di seduta, di un possibile abbassamento della guidance sull‘Ebitda del quarto trimestre.

* Interesse sul cemento in una giornata positiva sul settore europeo. Un trader cita uno studio di BofA Merrill Lynch sul comparto in cui stima una ripresa, anche se lenta, nel 2011 nei mercati maturi, e un proseguimento della forte crescita nei mercati emergenti.

* Bene gli energetici come A2A (A2.MI) e TERNA (TRN.MI) ma nel segmento dei petroliferi ENI (ENI.MI) cede l‘1%.

* Tra i titoli più piccoli PININFARINA (PNNI.MI) perde circa il 5% e MARCOLIN MCL.MI il 4%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below