23 dicembre 2010 / 16:54 / tra 7 anni

Borsa Milano chiude lievemente positiva, bene Parmalat,Autogrill

MILANO, 23 dicembre (Reuters) - Piazza Affari chiude con segno lievemente positivo prima del lungo weekend natalizio sostenuta da spunti di rialzo su singoli titoli mentre i principali indici azionari europei e statunitensi si mantengono poco distanti dalla parità.

Con volumi di poco superiori agli 1,3 miliardi l‘indice FTSE Mib .FTMIB ha terminato in progresso dello 0,2%, l‘Allshare .FTITLMS dello 0,17%, lo Star .FTSTAR dello 0,24%.

L‘infornata di dati Usa diffusa oggi ha confermato le attese di un‘accelerazione della crescita della prima economia mondiale nell‘ultimo trimestre 2010. La spesa per consumi è salita in novembre per il quinto mese di fila e gli ordini di beni durevoli sono rimbalzati dopo il calo di ottobre. In crescita il mese scorso infine anche le vendite di nuove case.

* PARMALAT (PLT.MI) guida il listino principale con un rialzo che i trader legano all‘accordo transattivo con GE Capital Finance annunciato ieri sera. In cambio alla rinuncia a un‘azione revocatoria già promossa il gruppo di Collecchio incassa 7,3 milioni di euro. Il titolo ha chiuso a 2,08 euro (+2,6%) dopo aver superato in seduta rialzi del 3% con volumi pari a 1,4 volte la media giornaliera dell‘ultimo mese.

* Denaro anche su AUTOGRILL (AGL.MI) (+2,4% a 10,67 euro) che oggi ha annunciato la conclusione, attraverso la controllata Usa HmsHost, di due nuovi contratti negli scali di San Francisco e Sacramento e il rinnovo della concessione nell‘aeroporto di Toronto [ID:nLDE6BM0V3]. Volumi comunque inferiori alla media.

* Sempre ben comprata FIAT FIA.MI (+1,4% a 15,52 euro) nonostante un settore auto europeo .SXAP in calo dello 0,6%. A muovere il titolo, secondo i trader, l‘attesa dello spinoff, mentre scivolano in secondo piano la vicenda Mirafiori e gli stessi fondamentali della società. “I broker hanno target vicini ai 20 euro anche per le speculazioni su interessi di altre case per società del gruppo, mai veramente smentiti”, spiega un trader. Centrobanca ha alzato l‘obiettivo a 18 euro da 14,5 in vista dello spinoff tenendo il rating ‘buy’.

* Ancora in calo TOD‘S (TOD.MI) (-1,9% a 75,77 euro) dopo le perdite innescate nei giorni scorsi dalla decisione dei fratelli Della Valle di collocare una quota del 10% al prezzo di 76 euro.

* Balzo di oltre l‘8% per KERSELF KRS.MI. Oggi il Corriere scrive dell‘interesse dei soci russi di Avelar a salire oltre il 30% con l‘aumento di capitale da 50 milioni se esentati dall‘obbligo di Opa.

* Tra i titoli minori rialzi a doppia cifra per INTEK TEKI.MI e DIGITAL BROS (DIB.MI). ZUCCHI (ZUCI.MI) sfiora un rialzo del 10% dopo che ieri il Cda ha convocato l‘assemblea straordinaria per i provvedimenti ai sensi dell‘articolo 2446 e l‘aumento di capitale.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below