8 dicembre 2010 / 08:32 / tra 7 anni

Borsa Milano apre fiacca con Europa, allunga Fiat in controtrend

MILANO, 8 dicembre (Reuters) - Avvio in tono negativo a Piazza Affari, zavorrata dai grandi gruppi bancari UNICREDIT (CRDI.MI) e INTESA SP (ISP.MI) in una seduta che si preannuncia sottile a causa della festività dell‘Immacolata.

Lettera anche sugli altri listini europei, dopo i guadagni delle ultime sedute. Restano sullo sfondo i timori legati alla crisi debitoria dell‘Eurozona.

In controtendenza accelera FIAT FIA.MI, trascinando con sè anche la holding della famiglia Agnelli EXOR (EXOR.MI): in un‘intervista a Mf, l‘AD dell‘americana AGCO ha detto che il numero uno del gruppo del Lingotto Sergio Marchionne non sembra intenzionato a vendere Cnh, ma potrebbe cambiare idea. Per questo la concorrente sta muovendosi per un‘offerta sul fronte antitrust e su quello della copertura finanziaria.

Nelle prime battute il FTSE Mib .FTMIB cede lo 0,35%, l‘AllShare .FTITLMS lo 0,3%.

* Estende i guadagni della vigilia EDISON EDN.MI: ieri sul mercato sono circolate ipotesi legate al riassetto che hanno messo il vento in poppa al titolo.

* Effervescente DIASORIN (DIAS.MI), tra i titoli che entreranno nel FTSE Mib a partire dalla seduta del 20 dicembre.

* Sotto pressione, viceversa, titoli che verranno esclusi dal paniere delle blue chip: UNIPOL (UNPI.MI), CIR (CIRX.MI) e GEOX (GEO.MI).

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below