25 novembre 2010 / 10:12 / 7 anni fa

RPT - COMMENTO BORSA 24/11 - Borsa Milano chiude invariata

(Rimanda pezzo delle 18,02 di ieri chiarendo al sesto paragrafo report di Akros su Unipol)

MILANO, 24 novembre (Reuters) - Piazza Affari chiude quasi invariata, in netta controtendenza rispetto alle altre borse europee, tutte in buon rialzo sulla scia di Wall Street.

“La seduta odierna evidenzia la particolare debolezza dell‘Italia e questo è molto preoccupante”, sottolinea un broker. Ancora deboli le banche e le utility, positiva Fiat.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB termina in calo dello 0,05%. L‘AllShare .FTITLMS scende dello 0,01%, mentre il MidCap .FTITMC avanza dello 0,71%. Volumi attorno a 3,2 miliardi di euro nel finale di seduta. Lo Stoxx paneuropeo avanza di un punto percentuale.

* Tra i bancari, in evidenza il balzo di BANCO POPOLARE BAPO.MI (+2,91%) che registra una decisa escursione verso la vetta dell‘indice principale. Gli operatori segnalano alla base del movimento qualche ricopertura. “Si tratta di un rimbalzo”, spiega un broker.

Rimangono comunque alte le tensioni per la crisi irlandese e più in generale per il debito europeo che penalizzano in particolare modo il settore finanziario. UNICREDIT (CRDI.MI) cede lo 0,86%, mentre FONDIARIA SAI FOSA.MI cede il 3,44% e la holding controllante PREMAFIN PRAI.MI -1,45% in un mercato che si interroga sul prezzo degli aumenti di capitale. “E’ evidente che sul titolo c’è anche qualche preoccupazione legata ai conti”, dice un trader.

Sempre le assicurazioni, UNIPOL (UNPI.MI) cede il 2,46%: in un report Banca Akros dice che sta rivedendo al ribasso le stime sugli utili del 2010 per tenere conto dell‘indeducibilità fiscale del mark-to market negativo di alcune poste per il primo semestre. In precedenza Akros assumeva una normalizzazione del tax rate per fine anno.

* Fuori dai finanziari il fronte dei rialzi registra le buone performance di AUTOGRILL (AGL.MI) (+3,79%), MEDIASET (MS.MI) (+0,67%) e FINMECCANICA SIFI.MI (+1,44%).

* PRYSMIAN (PRY.MI) sale dell‘1,66% in attesa di novità sulla battaglia per la conquista di Draka DRAK.AS, che al momento registra i primi passi concreti dei cinesi di Xinmao (000836.SZ). La francese Nexans ha detto che non rientrerà nella partita.

“Prysmian non sarabbe in grado di sostenere un rilancio dell‘offerta da parte di Xinmao senza un aumento di capitale”, si legge in un report di una casa estera che ritiene positiva l‘integrazione con la società olandese dei cavi.

* Tra gli energetici si distinguono in negativo A2A (A2.MI) in ribasso del 2,09% ed ENEL <ENEI,MI> (-0,98%). Anche la controllata di quest‘ultima ENEL GREEN POWER EGPW.MI è sempre sotto il prezzo di collocamento di 1,6 euro, cedendo lo 0,75%.

* Giù anche TELECOM TLIT.Mi che cede lo 0,81%. Positiva FIAT FIA.MI con un balzo del 2,15%. “E’ uno dei pochi titoli che interessano agli investitori in questo momento”, dice un operatore.

* Vola ANSALDO STS (STS.MI) (+6,48%) sulla scia della scelta da parte municipalità di Copenaghen come ‘preferred bidder’ per la costruzione della nuova metropolitana. Sts annuncia anche una commessa in Australia per 340 milioni di euro.

* Fra i titoli a minore capitalizzazione KERSELF KRS.MI giù a due cifre, forte FALCK RENEW (AA4.MI) che guadagna il 6,40%, mentre TREVI (TFI.MI) avanza del 9,04%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below