18 novembre 2010 / 12:16 / tra 7 anni

Borsa Milano prosegue in rialzo, bene comparto automotive e Stm

MILANO, 18 novembre (Reuters) - Piazza Affari prosegue in rialzo, sostenuta dal comparto auto, che beneficia dell‘euforia del settore per i risultati dell‘Ipo di General Motors.

Il Ftse Mib si muove in sintonia con le altre borse europee, trainato più in generale dall‘affievolirsi dei timori sulla crisi finanziaria irlandese: cresce l‘ottimismo che l‘incontro tra i funzionari irlandesi e la missione Ue-Fmi possa portare a intraprendere misure urgenti per affrontare la crisi.

Intorno alle 13,05 l‘indice FTSE Mib .FTMIB sale dello 0,93% e l‘Allshare .FTITLMS segna +0,91%. Volumi per 1,2 miliardi di euro.

* Tonici i titoli dell‘automotive, in linea con il buon andamento del settore a livello europeo .SXAP (+2,3%). FIAT FIA.MI rialza la testa dopo due giorni di correzione e guadagna oltre il 2%, seguita dalla controllante EXOR (EXOR.MI). PIRELLI PECI.MI sale del 2,65% e PIAGGIO (PIA.MI) dell‘1,9%.

* Positivi i bancari. Si mette in luce soprattutto POP MILANO PMII.MI (+2%.) Sale UNICREDIT (CRDI.MI), ma sotto i massimi. In mattinata si era rafforzata dopo le dichiarazioni rilasciate a Francoforte dall‘AD Federico Ghizzoni, che ha rassicurato sull‘esposizione “quasi nulla” di Piazza Cordusio all‘Irlanda.

* STMicroelectronics (STM.MI) (+3,1%) è il miglior titolo del listino principale, sovraperformando gli altri tecnologici europei .SX8P, come l‘altro produttore di chip Infineon.

* ANSALDO (STS.MI) perde il 2,1%.

* Torna sotto pressione MEDIASET (MS.MI). Ieri Cheuvreux ha declassato il titolo a “underperform” da “selected list” e ha tagliato il target price e le previsioni di utile per il 2010 e il 2011. Inoltre oggi il cda della controllata spagnola Telecinco (TL5.MC) ha approvato i termini dell‘aumento di capitale da quasi 500 milioni, che comporterà per Mediaset un esborso di 252,5 milioni.

* Nel mirino delle vendite anche FINMECCANICA SIFI.MI, declassata da Banca Akros a “reduce” da “accumulate” dopo che l‘incontro con gli investitori a Londra non ha portato buone notizie.

“Le prospettive di sviluppo del business sono povere mentre le azioni di ristrutturazione porteranno alla redditività benefici limitati”, afferma il broker in una nota, notando che la programmata riduzione degli investimenti potrebbe mettere in discussione la competitività dell‘azienda nel lungo termine.

* Fuori dal paniere principale impennata con scambi intensi per SOPAF SPFI.MI (+11,3%) che, secondo indiscrezioni stampa parzialmente confermate, sarebbe vicina ad un accordo per il rifinanziamento del debito.

* Ben comprata con volumi anche COIN GCN.MI (+4,7%) dopo l‘avvio della processo volto all‘eventuale dismissione della partecipazione di Financière Tintoretto, controllata da Pai Partners, nel gruppo retail.

* Sale di oltre il 4% anche TREVI (TFI.MI), in attesa delle indicazioni che potrebbero arrivare oggi pomeriggio dalla conference call della società. Banca Akros mantiene il “buy” sul titolo, giudicando il titolo sottovalutato rispetto ai suoi“ pari”.

* In ribasso dell‘1,7% ZUCCHI (ZUCI.MI), dopo essere arrivata a perdere oltre il 5%. La società ha dato mandato all‘AD per la convocazione di un‘assemblea straordinaria per l‘assunzione dei provvedimenti previsti dall‘articolo 2446 del Codice Civile, in cui si proporrà agli azionisti un aumento di capitale da 15 milioni di euro.

* Ieri sul Mot è stato registrato il record di controvalore scambiato sui bond non governativi, con 231,30 milioni di euro.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below