15 novembre 2010 / 17:01 / tra 7 anni

Borsa Milano chiude in rialzo, bene Fiat, in calo Banco Popolare

MILANO, 15 novembre (Reuters) - Piazza Affari ha chiuso in rialzo, dopo aver invertito il trend negativo della mattina, spinta dai titoli dell‘automotive e da quelli energetici.

Il finale di seduta positivo è condivisoo anche dalle altre piazze europee, aiutate dai buoni dati del commercio estero e dal rialzo del prezzo del greggio, anche se continuano a incombere i timori per la situazione finanziaria irlandese.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB ha chiuso in rialzo dello 0,78% così come l‘Allshare .FTITLMS, mentre lo Star .FTSTAR ha guadagnato lo 0,37%. Volumi per un controvalore di circa 2,1 miliardi di euro.

* FIAT FIA.MI è salito del 3% a 13,37 euro con scambi poco sopra la media. Stamane ha incassato alcune promozioni come quella di Rbs che ha alzato il target price a 15 euro da 13 o di Morgan Stanley che ha inserito il titolo nella ‘best idea list’. Dopo l‘incontro della scorsa settimana tra l‘AD Sergio Marchionne e la comunità finanziaria, i broker scommettono che Fiat e Chrysler diventeranno una compagnia unica, sulla quotazione di Ferrari e sulla dismissione di Marelli. Per i dettagli [ID:nLDE6AE17O]

* Rimbalza BULGARI BULG.MI (+4,58%), miglior titolo del FTSE Mib, dopo il forte calo archiviato venerdì sulla scia dei risultati.

* Misti i bancari. BANCO POPOLARE BAPO.MI ha ceduto oltre il 3,48%. Credit Suisse ha ridotto il target price a 4,1 da 4,5 euro dopo i risultati del terzo trimestre considerati “deludenti”. La banca svizzera ha tagliato il prezzo obiettivo anche di POP MILANO PMII.MI (-1,47%) a 4 da 4,2 euro, a causa dei ratio patrimoniali della banca sotto le attese. Hanno invece chiuso in territorio positivo gli altri istituti del listino principale, con INTESA SANPAOLO (ISP.MI) che ha guadagnato l‘1,28% e UNICREDIT (CRDI.MI) lo 0,5%.

Dopo la trimestrale pubblicata sabato, UBI (UBI.MI) non va oltre un lieve rialzo dello 0,28%. In Europa lo stoxx di settore .SX7P è salito dello 0,71%.

* Debole GEOX (GEO.MI) (-3%) oggi protagonista di report non positivi sul titolo. In particolare Deutsche Bank ha tagliato il target price a 3,80 da 4,90 euro.

* BREMBO (BRBI.MI) ha guadagnato oltre il 5% sulla scia della trimestrale e dei giudizi positivi espressi da alcuni broker. Equita ha confermato “buy”, alzato il target price del 14% a 9,6 euro e le stime sull‘utile per l‘intero anno fiscale, sulla base di risultati sopra le attese. Anche Banca Leonardo ha aumentato il target price, a 7,3 euro da 6,1 e confermato la valutazione “underweight”.

* MAIRE TECNIMONT (MTCM.MI) è salita del 5,5%. La società ha pubblicato i risultati venerdì. Equita ha sottolineato che i risultati sono abbastanza allineati con le previsione, anche se con un mix diverso.

* Tra i più piccoli DADA (DA.MI) balza sulle speculazioni di un settimanale su una rosa di pretendenti. Il titolo guadagna il 5,84% con volumi consistenti, oltre tre volte e mezzo la media giornaliera.

* La LAZIO (LAZI.MI) (+5,18%) beneficia del ritorno alla vittoria in campionato che le consente di consolidare la seconda posizione.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below