3 novembre 2010 / 12:18 / tra 7 anni

Borsa Milano prova allungo con Fiat e cemento, giù Pirelli

MILANO, 3 novembre (Reuters) - Piazza Affari tenta un allungo, alimentato da automotive e costruzioni.

Gli operatori, però, sottolineano il clima di attesa per le mosse della Fed.

Attorno alle 13,10 italiane, l‘indice FTSE Mib .FTMIB guadagna lo 0,5% circa, così come l‘AllShare .FTITLMS, mentre il Mid Cap .FTITMC è piatto. Volumi per un controvalore di circa 930 milioni di euro.

* FIAT FIA.MI continua a galoppare, beneficiando soprattutto della promozione di Ubs. In sintonia la controllante EXOR (EXOR.MI), sui massimi da quando la finanziaria della famiglia Agnelli ha preso la denominazione di Exor.

* PIRELLI PECI.MI pesante: la concorrente Continental (CONG.DE) è in netto calo dopo aver annunciato risultati inferiori alle attese nel terzo trimestre.

* Restando all‘automotive, fuori dal paniere principale, PIAGGIO (PIA.MI) lascia sul terreno oltre due punti percentuali: ieri, IMMSI (IMSI.MI) ha venduto a Banca Imi l‘1,345% del capitale, al fine di realizzare un collocamento ad investitori istituzionali.

* Poco mosse le banche. In un report dedicato agli istituti italiani, dal titolo “Catching up with peers”, Barclays scrive che le condizioni dell‘industria sono migliorate nel terzo trimestre e sottolinea la performance debole di UNICREDIT (CRDI.MI) dopo l‘uscita di Alessandro Profumo. Il broker ritiene che MONTEPASCHI (BMPS.MI) non sarà costretta a varare un aumento di capitale e pone l‘accento sull‘aumento del rischio legato ad operazioni di M&A da parte di INTESA SANPAOLO (ISP.MI). Bene UBI (UBI.MI): Barclays conferma il rating “equal-weight”, ma evidenzia che il trend dell‘Euribor e alcuni interventi del management potrebbero sostenere il titolo nel breve termine.

* TELECOM ITALIA (TLIT.MI) poco mossa, alla vigilia della pubblicazione dei risultati del terzo trimestre: secondo un sondaggio Reuters, ricavi ed Ebitda saranno in linea con il 2009. Goldman ha tagliato il target delle ordinarie e delle risparmio, rispettivamente a 1,34 euro e 1,05.

* Pesante ANSALDO STS (STS.MI), che ieri ha pubblicato i risultati dei primi nove mesi.

* Piatta FINMECCANICA SIFI.MI, nella giornata in cui il cda esamina i risultati del terzo trimestre (che saranno diffusi domattina).

* Cementieri allineati con un paniere delle costruzioni europeo .SXOP in grande spolvero: BUZZI UNICEM (BZU.MI) vola, trascinando ITALCEMENTI ITAI.MI. In una nota dedicata al comparto, un broker italiano scrive che la Portland Cement Association ha tagliato le previsioni sul consumo di cemento negli Usa nel 2010 e 2011. Il broker ritiene che le stime della Pca siano “chiaramente negative” per Buzzi, dato che gli Usa rappresentano il 23% dell‘Ebitda del gruppo, mentre sono meno negative per Italcementi, che ha un‘esposizione nell‘area pari al 5% circa dell‘Ebitda. Il broker conferma rating “neutral” su entrambi i titoli, con target price di 9 euro per Buzzi e di 7,4 euro per Italcementi.

* Spunti per STMICROELECTRONICS (STM.MI), MEDIASET (MS.MI), AUTOGRILL (AGL.MI) e SAIPEM (SPMI.MI).

* Fra le small e mid cap, corre ACTELIOS A4.MI: si è conclusa l‘offerta sulle azioni di Falck Renewables.

* YORKVILLE BHN BY.MI in rosso. La società di investimenti ha annunciato, ieri sera, i risultati dei primi nove mesi. Un quotidiano ha scritto che la Consob ha acceso un faro sull‘offerta d‘acquisto sul fondo Investietico, gestito da AEDES (AEDI.MI).

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below