2 novembre 2010 / 12:33 / 7 anni fa

Borsa Milano amplia i guadagni, rimbalzano le banche

MILANO, 2 novembre (Reuters) - Piazza Affari amplia i guadagni e chiude la mattinata in rialzo di quasi l‘1%, sostenuta dal rimbalzo di alcuni titoli bancari, anche se continua a prevalere la prudenza in attesa delle decisioni della Federal Reserve sull‘entità dello stimolo monetario.

“Ieri l‘indice era sceso sull‘allargamento dello spread irlandese, ora sta rimbalzando” spiega un trader, sottolineando che resta gli investitori attendono di conoscere l‘esito del meeting della Fed.

Standard and Poor’s oggi ha inoltre confermato ad ‘A+’ il rating a lungo termine dell‘Italia.

Intorno alle 13,25 l‘indice FTSE Mib .FTMIB sale dell‘1,05%, l‘Allshare .FTITLMS dello 0,94%, mentre il Mid Cap .FTITMC cede lo 0,11%. Volumi per oltre 1,1 miliardi di euro.

L‘indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 avanza dello 0,67% e i futures degli indici americani sono positivi.

* Dopo la discesa di ieri, recuperano le banche, trainate da UNICREDIT (CRDI.MI) (+2,1%) e UBI (UBI.MI) (+2,16%). BANCO POPOLARE BAPO.MI è l‘unico istituto del paniere principale che resta in territorio negativo. Un rapporto di Ubs prevede che gli istituti italiani nel terzo trimestre inizino a beneficiare dell‘innalzamento dell‘Euribor e della normalizzazione del trading.

L‘istituto mantiene il rating “buy” su INTESA (ISP.MI), MEDIOBANCA (MDBI.MI), POP MILANO PMII.MI (tutte in rialzo tra +0,8% e +1%). Resta cauto su MONTEPASCHI (BMPS.MI) (+0,5%) a causa della bassa patrimonializzazione, ma alza leggermente il target price. Taglia invece il target price di BANCO POPOLARE BAPO.MI (-0,2%), dopo aver ridotto le stime sull‘eps. In particolare si attende che il titolo resti “relativamente debole fino a quando l‘incertezza sull‘aumento di capitale non sarà rimossa”.

* FIAT FIA.MI cede circa l‘1,7%, dopo che Federauto ha previsto un deciso rallentamento delle immatricolazioni a ottobre (-39,5%) in un mercato italiano dell‘auto in contrazione del 29%. Debole anche PIRELLI & C PECI.MI (-0,24%). Il settore automotive europeo .SXAP è vicino alla parità.

* FONDIARIA-SAI FOSA.MI perde oltre il 3%. Un trader parla di prese di profitto, dopo la buona salita registrata nell‘ultimo periodo. In deciso calo anche PREMAFIN PRAI.MI, che scivola sotto quota 1 euro mentre il prezzo dell‘aumento di capitale in cui Groupama sottoscriverà la quota di competenza della famiglia Ligresti è stato fissato in 1,1 euro. In lieve calo anche l‘altra controllata della holding MILANO ASSICURAZIONI ADMI.MI.

* Tonica CAMPARI (CPRI.MI) (+1,43%), “in vista dei risultati”, sottolinea un operatore.

* Fuori dal paniere principale, EDISON EDN.MI ha annullato i guadagni dopo il taglio di rating da parte di S&P.

* Balza RISANAMENTO (RN.MI) (+2,9%) che ha ceduto la controllata Usa Etoile Madison con incasso modesto ma liberandosi di 275 milioni di debito.

* Ripiega LAZIO (LAZI.MI), che cede oltre il 5% dopo l‘impennata di ieri. In forte calo anche KERSELF KRS.MI.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below