1 novembre 2010 / 10:29 / 7 anni fa

Borsa Milano sottile, vira in negativo, pesante Fondiaria-Sai

MILANO, 1 novembre (Reuters) - Piazza Affari vira in negativo a metà mattina in una seduta povera di spunti e di scambi ridotti per effetto della festa di Ognissanti.

“In un mercato così asfittico come quello di oggi, l‘allargamento degli spread di Irlanda e Portogallo ha dato un pretesto per vendere”, osserva un trader riferendosi all‘ampliamento del differenziale di rendimento dei decennali dei due paesi nei confronti del Bund tedesco. In rialzo anche i cds, ovvero il costo per assicurarsi contro il rischio di default dei due emittenti periferici.

Intorno alle 11,15 il benchmark milanese cede lo 0,3% circa, l‘indice generale All Shares lo 0,2%, mentre quello delle medie capitalizzazioni è poco mosso. In Europa, il FTSEurofirst 300 viaggia piatto. Volumi per poco più di 750 milioni di euro.

Milano, come il resto dei listini europei, aspetta ispirazione da Wall Street e dalla raffica di dati macro in agenda oggi negli Stati Uniti. Clima attendista anche in vista della riunione della Federal Reserve dei prossimi due giorni che dovrebbe alzare il velo sul nuovo stimolo monetario per l‘economia statunitense.

* Le vendite prendono di mira, come di consueto, i titoli bancari, mentre amplia le perdite FONDIARIA-SAI FOSA.MI, maglia nera del listino con scambi già superiori alla media giornaliera. Il titolo è stato protagonista di forti rialzi da quando sono stati resi noti gli acquisti di titoli della controllante Premafin da parte del finanziere bretone Vincent Bolloré. Lettera anche sulla stessa holding PREMAFIN PRAI.MI, spinta venerdì sopra il prezzo dell‘aumento di capitale riservato ai francesi di Groupama (1,1 euro) fino ai massimi dell‘anno di 1,115 euro. Debole infine l‘altra controllata, MILANO ASSICURAZIONI ADMI.MI (-1,2%).

* Risparmiate dalla lettera alcune utilities come TERNA (TRN.MI) - che oggi aggiorna i massimi dell‘anno a 3,3625 euro - e ENEL (ENEI.MI), scommesse tradizionalmente difensive che tuttavia arretrano a livello europeo (il Dj Stoxx di riferimento perde lo 0,4% .SX6P)

* Resistono titoli legati alle quotazioni del petrolio come ENI (ENI.MI), promossa oggi da Credit Suisse a “neutral”, ma anche TENARIS (TENR.MI) e SAIPEM (SPMI.MI).

* In relativa tenuta il comparto costruzioni con IMPREGILO IPGI.MI e i cementieri ITALCEMENTI ITAI.MI e BUZZI UNICEM (BZU.MI) che perdono meno dell‘indice beneficiando del positivo andamento del comparto europeo .SXOP (+0,7%).

* Fuori dal paniere principale, in grande spolvero JUVE (JUVE.MI) che ieri ha vinto contro il Milan, e RISANAMENTO (RN.MI) dopo il via libera all‘aumento di capitale.

* Ritraccia STEFANEL (STEP.MI) dopo l‘effervescenza di venerdì sulla cessione del 50% di Nuance.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below