15 ottobre 2010 / 15:54 / 7 anni fa

Borsa Milano chiude in lieve calo, bene Fiat, Lottomatica

MILANO, 15 ottobre (Reuters) - Piazza Affari chiude poco mossa una seduta che ha ricevuto solo una piccola scossa dai dati americani, in particolare dall‘indice di fiducia dell‘Università del Michigan sceso ai minimi da luglio.

Poco prima il presidente della Fed Ben Bernanke aveva dato un po’ di spinta ai listini - Italia compresa - dichiarando che alta disoccupazione e bassa inflazione giustificano un ulteriore allentamento della politica monetaria.

Con volumi non eccezionali - pari a circa 2,15 miliardi - l‘indice FTSE Mib .FTMIB ha ceduto lo 0,15%, l‘Allshare .FTITLMS lo 0,19%, lo Star .FTSTAR ha guadagnato lo 0,33%.

“L‘indice di fiducia ha un po’ impattato”, è il telegrafico commento di un trader che fotografa una seduta con pochi spunti di rilievo.

* FIAT FIA.MI chiude sotto i massimi di seduta ma positiva mostrandosi di fatto immune ai deboli dati sulle immatricolazioni di auto in Europa a settembre che hanno evidenziato un calo del 22% per il gruppo torinese, superiore al -9,6% registrato dall‘intero mercato.

Secondo un analista di Equinet Bank, tuttavia, “nel complesso, le immatricolazioni a settembre sono una buona notizia del settore. In qualche modo sembra che la debolezza delle vendite di auto durante l‘estate sia stata solo temporanea dopo i forti dati del primo semestre, e adesso riprende il recupero”.

I trader parlano per il titolo di un andamento sostanzialmente slegato dai fondamentali.

Lo Stoxx europeo dellle auto .SXAP è il migliore tra gli indici settoriali con un rialzo dello 0,5% circa.

* A spunti selettivi su titoli difensivi o trascurati nelle ultime sedute come LOTTOMATICA LTO.MI o ANSALDO STS (STS.MI) fa da contraltare un andamento contrastato dei bancari dove UNICREDIT (CRDI.MI) è debole, INTESA (ISP.MI) e MPS (BMPS.MI) sono timidamente positive.

BANCO POPOLARE BAPO.MI cede oltre 1%, UBI (UBI.MI) balza dell‘1,59%%. In un‘intervista a Libero Mercato, il sindaco di Verona, Flavio Tosi, ha detto di ritenere che le fondazioni come la Cariverona, e non solo, “entrerebbero nel capitale del Banco o di altre popolari, che avrebbero volentieri come soci le fondazioni”.

* Debole ENEL (ENEI.MI) che ha comunicato la forchetta di prezzo 1,8-2,1 euro per l‘imminente Ipo della controllata Enel Green Power.

* La prossima quotazione della società delle rinnovabili riaccende l‘interesse per tutto il settore. ERGYCAPITAL (ECY.MI) in particolare sale del 2,43%

* L‘ESPRESSO ESPI.MI guadagna il 3,63% dopo che una fonte vicina al gruppo ha confermato colloqui in corso con operatori italiani ed esteri per affittare le frequenze del digitale terrestre.

* Realizzi su BULGARI BULG.MI che lascia sul terreno l‘1% nonostante il rialzo del target price da parte di Hsbc,

* Tra i titoli minori la LAZIO (LAZI.MI) continua ad accompagnare il primato in campionato a consistenti rialzi. Sulla scia la ROMA (ASR.MI).

* PININFARINA (PNNI.MI) balza dopo le dichiarazioni rassicuranti dell‘AD Pietro Angori alla stampa sul piano industriale e sui progetti per l‘auto elettrica.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below