13 ottobre 2010 / 15:55 / tra 7 anni

Borsa Milano chiude forte su Ws, corrono banche, settore energia

MILANO, 13 ottobre (Reuters) - Seduta molto positiva a Piazza Affari al traino delle trimestrali Usa, come Intel e Jp Morgan sopra le attese e della buona intonazione di Wall Street.

“E’ la giornata delle big Usa che fanno da traino ai mercati”, osserva una trader.

L‘indice FTSE MIb .FTMIB sale dell‘1,9%, l‘Allshare .FTITLMS dell‘1,8% e lo Star .FSTAR dell‘1,16%. Nel finale volumi pari a oltre 2,5 miliardi di euro.

Denaro diffuso praticamente su tutto il listino con qualche eccezione.

* STM (STM.MI) sale del 2,53%, sulla scia dei buoni risultati del terzo trimestre e dell‘outlook positivo sul quarto di Intel (INTC.O), che sostengono il comparto tecnologico in tutta Europa .SX8P (+2,3%).

* Ben raccolta anche BULGARI BULG.MI (+3,1%)

* Positivo il settore bancario, trainato da INTESA SANPAOLO (ISP.MI), che guadagna il 2,2%, seguita da MEDIOBANCA (MDBI.MI) (+2,07%), UNICREDIT <CRDI,MI> (+2,05%) e UBI (UBI.MI) (+3,4%). Più tranquilla POP MILANO PMII.MI che contiene il rialzo all‘1%.

In forte rialzo anche AZIMUT (AZMT.MI) (+4,09%) e CIR (CIRX.MI) (+2,15%).

* FIAT FIA.MI cresce dell‘1,02% dopo aver essere riuscito brevemente a superare soglia 12 euro. Un trader evidenzia come continui a risentire positivamente dello spin-off. * In gran spolvero anche ENI (ENI.MI) (+1,83%) dopo il forte calo di ieri sulle voci di una guidance più prudente, grazie alla ripresa del prezzo del brent. Debole invece il difensivo SNAM RETE GAS SGR.MI (-0,13%). Bene anche ENEL (ENEI.MI) in crescita del 2%.

* Tra i titoli a minore capitalizzazione, tonica CAMFIN CAMI.MI (+3,15%) dopo la battuta d‘arresto di ieri, nonostante il taglio di rating di Ubs.

* Strappa la S.S.LAZIO (LAZI.MI), con un rialzo del 20,7%.

* Rally di KINEXIA KINX.MI (+6,6%). Ieri ha sottoscritto un contratto per la costruzione di un impianto fotovoltaico in Sardegna.

* Corrono anche BUONGIORNO BVIT.MI (+9,09%) e FIERA MILANO (FIMI.MI) (+8,17%).

Tonica DANIELI (DANI.MI) (+3,6%). Ieri ha annunciato che punta a chiudere l‘esercizio 2010-2011 con un ebitda compreso fra 290-310 milioni di euro e ricavi fra 2.900 e 3.000 milioni di euro.

* Fra i titoli negativi si segnala PININFARINA (PNNI.MI) che cede il 2,4%, nonostante le rassicurazioni, riportate dalla stampa, che la partnership di Vincent Bollorè con la torinese Cecomp non inciderà sul progetto per la blue car.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below