7 ottobre 2010 / 09:10 / 7 anni fa

Borsa Milano in lieve rialzo, meglio di Europa, sale Tenaris

MILANO, 7 ottobre (Reuters) - Piazza Affari si riprende in controtendenza al resto dell‘Europa, sostenuta da alcuni bancari e da ENEL (ENEI.MI) mentre si rafforza TENARIS (TENR.MI) e la smentita di Fininvest sulla possibile entrata di investitori russi non arresta gli acquisti su MEDIASET (MS.MI).

Intorno alle 11 l‘indice FTSE Mib .FTMIB avanza dello 0,45%, l‘AllShare .FTITLMS dello 0,4% mentre il Mid Cap .FTITMC è poco mosso. Volumi .AD.MI per poco più di 600 milioni di euro.

Nel Vecchio Continente il FTSEurofirst 300 perde lo 0,2%.

* Si rafforza TENARIS (TENR.MI) in un contesto che vede i petroliferi italiani fare meglio di quelli europei (Dj Stoxx cede lo 0,5%), nonostante SAIPEM (SPMI.MI) resti un po’ indietro dopo l‘effervescenza di ieri sull‘upgrade di Citigroup.

“La buona performance del titolo è legata all‘andamento del prezzo del greggio e ai giudizi generalmente positivi dei broker”, osserva genericamente un operatore, non riferendo altri spunti particolari.

* Volumi abbondanti e rialzo di oltre un punto percentuale, anche se inferiore ai massimi di seduta, per MEDIASET (MS.MI): Fininvest ha smentito le indiscrezioni stampa sul possibile arrivo di nuovi soci russi. Il titolo è tra i pochi positivi del settore media europeo .SXMP.

“Vale la regola buy on rumours”, dice un trader. “E poi era rimasta parecchio indietro nonostante i numeri sulla raccolta pubblicitaria restassero molto buoni”.

* Il vigore di Mediaset contagia anche MONDADORI (MOED.MI).

* Tonica ENEL (ENEI.MI). “Enel a questi prezzi (è un investimento che) ha molto senso, considerando anche l‘anticipo sul dividendo”, fa notare l‘operatore riferendosi all‘acconto sulla cedola di 0,10 euro annunciato a fine settembre.

* Più fiacca FIAT FIA.MI che fa peggio del listino principale e del comparto auto europeo, dove RENAULT (RENA.PA) festeggia con un balzo di oltre il 6% il collocamento di azioni Volvo. Oggi Credit Suisse ha alzato il prezzo obiettivo sul titolo del gruppo torinese a 10,5 da 9 euro confermando la raccomandazione “neutrale”.

* Acquistati soprattutto alcuni bancari come UBI (UBI.MI), BANCO POPOLARE BAPO.MI e POP MILANO PMII.MI. Più contenuto il rialzo delle più grandi UNICREDIT (CRDI.MI) e INTESA SANPAOLO (ISP.MI) mentre il Dj Stoxx di settore arretra dello 0,3%.

“Si tratta di una rotazione settoriale”, spiega un trader.

* Fuori dal listino principale prosegue il denaro su TISCALI (TIS.MI), già sugli scudi ieri dopo accordo con la cinese Zte (0763.HK) 000063.SZ per lo sviluppo della rete superveloce.

* Aggiorna i massimi dell‘anno a 5,4 euro FIERA MILANO (FIMI.MI) con un rally partito ieri dopo l‘accordo sui terreni dell‘Expo 2015.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below