30 settembre 2010 / 11:27 / tra 7 anni

Borsa Milano debole con banche,Telecom e Eni,bene Unicredit,Fiat

MILANO, 30 settembre (Reuters) - Piazza Affari procede debole, in linea con le altre borse europee, con i mercati azionari che scontano i timori legati al costo del salvataggio di Anglo Irish e il declassamento del debito spagnolo.

Gli indici di borsa hanno recuperato terreno dai minimi della mattinata ma rimangono in attesa di nuove indicazioni direzionali dai dati macro di Wall Street del pomeriggio.

“Qualche segnale potrebbe arrivare dai dati americani sull‘occupazione”, sostiene un gestore.

“Al momento procediamo in laterale, e non vedo una direzione precisa”, aggiunge.

Il listino risente dei cali di alcuni bancari, telefonici e energetici, anche se non mancano titoli come UNICREDIT (CRDI.MI), FIAT FIA.MI e SNAM SRG.MI> che si muovono in controtendenza.

Intorno alle 13,15 l‘indice FTSE Mib .FTMIB segna un ribasso dello 0,37%, l‘AllShare .FTITLMS cede lo 0,36%, mentre il Mid Cap .FTITMC arretra dello 0,33%. Volumi per 1,3 miliardi di euro circa.

In Europa il FTSEurofirst300 .FTEU3 cede lo 0,22%, mentre a Wall Street i futures viaggiano in leggero terreno negativo.

* A Milano a mantenere in territorio negativo l‘indice delle blue chips contribuiscono i bancari come INTESA SANPAOLO (ISP.MI) (-1,3%) e BANCO POPOLARE BAPO.MI (-1,2%) quest‘ultimo anche colpito da un downgrade di Deutsche Bank a “hold” da “buy”.

Sul Banco prosegue la speculazione, forte ieri, sui timori di un aumento di capitale, nonostante l‘istituto abbia precisato, sempre ieri, che “allo stato” non è stata presa alcuna decisione in merito, ricordando inoltre che la cessione di alcuni asset rientra tra le possibilità di rafforzamento patrimoniale del gruppo.

“Sembra una smentita poco convinta. In alternativa all‘aumento di capitale, per rafforzare il patrimonio serve qualcosa di più consistente che non la sola vendita di Caripe”, commenta un trader.

* Venduta TELECOM ITALIA (TLIT.MI) (-1,65%).

* UNICREDIT (CRDI.MI) sale dello 0,5% nel giorno in cui è attesa la decisione sul nuovo AD. La fine dell‘incertezza sul successore di Profumo sostiene le quotazioni di Piazza Cordusio, sostengono alcuni operatori.

Rimbalza POP MILANO PMII.MI (+0,6%) dopo le perdite di ieri.

* Tonica FIAT FIA.MI (+1,9%) sostenendo anche la holding della famiglia Agnelli EXOR (EXOR.MI) (+0,36%). Un trader cita le dichiarazioni di interesse per Alfa Romeo espresse dal presidente di Volkswagen nonostante il marchio non sia mai stato messo in vendita come ribadito stamani dall‘Ad Sergio Marchionne.

* Tra i ribassi arretra ENI (ENI.MI) (-0,88%) in controtendenza rispetto al comparto dei petroliferi europeo .SXEP (+0,3%). Male LUXOTTICA (LUX.MI) e MEDIASET (MS.MI).

* Raccolta LOTTOMATICA LTO.MI (+1,5%): oggi Credit Suisse ha avviato la copertura con giudizio “outperform” e un prezzo obiettivo di 14,52 euro.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below