24 settembre 2010 / 10:51 / tra 7 anni

Borsa Milano arranca, giù Mediobanca e Telecom, corre Stefanel

MILANO, 24 settembre (Reuters) - Piazza Affari non trova la forza per portarsi in territorio positivo e prosegue debole.

In sintonia con le altre borse europee, il listino di Milano aveva registrato un sussulto dopo la pubblicazione dell‘indice Ifo tedesco, risultato superiore alle attese. Poco dopo, però, i mercati sono tornati a ritracciare.

In una nota, Citigroup scrive che si sta delineando chiaramente una prospettiva di decoupling dei Paesi emergenti rispetto alle economie industrializzate e suggerisce, nella strategia sul portafoglio europeo, di puntare sulle large cap.

Un trader pone l‘accento sulla “mancanza di direzione” dei mercati e sulla “scarsità dei volumi”.

Attorno alle 12,45, l‘indice Ftse Mib .FTMIB perde lo 0,5% circa, così come l‘AllShare .FTITLMS, mentre il Mid Cap .FTITMC arretra dello 0,2% circa. Volumi per un controvalore di circa 1,9 miliardi di euro.

* UNICREDIT (CRDI.MI) prova a dare consistenza al rimbalzo che si è manifestato sin dalle prime battute. Focus sulla corsa alla successione di Alessandro Profumo e sugli eventuali cambiamenti nella governance.

* MEDIOBANCA (MDBI.MI) ancora in calo, mentre i vertici del gruppo smentiscono le voci su una fusione con GENERALI (GASI.MI) (in rosso). In un report datato ieri, Centrobanca conferma il rating “buy”, con target price di 7,8 euro, ma annuncia di aver limato del 2% la previsione sull‘utile netto dell‘esercizio 2011-2012.

* Tra le banche, si smorza il rimbalzo del MONTEPASCHI (BMPS.MI), mentre POPOLARE MILANO PMII.MI non beneficia delle indiscrezioni di stampa sulla presentazione delle offerte non vincolanti per l‘acquisizione degli asset assicurativi. Un quotidiano ha scritto che UNIPOL (UNPI.MI) (negativa) ha presentato una proposta, ma non intenderebbe proseguire nell‘iter formulando un‘offerta vincolante. Gli assicurativi vedono FONDIARIA-SAI FOSA.MI in difficoltà.

* Segno meno per TELECOM ITALIA (TLIT.MI): due manager di fondi hanno riferito che la settimana prossima il gruppo terrà un roadshow in Australia con investitori specializzati nell‘obbligazionario.

* ITALCEMENTI ITAI.MI debole: un quotidiano ha scritto che il gruppo ha ottenuto una nuova linea di credito revolving da 920 milioni. Nel comparto, scende BUZZI UNICEM (BZU.MI).

* Costruzioni in flessione: IMPREGILO IPGI.MI cede circa due punti percentuali. Fuori dal paniere principale, in calo ASTALDI (AST.MI).

* Prosegue la corsa di BULGARI BULG.MI, che brilla all‘interno di un paniere del lusso .SXQP positivo.

* ENI (ENI.MI) arranca: un trader riferisce che un broker estero ha tagliato il target price a 18,5 da 20,5 euro, confermando “buy”. In lettera anche le controllate SNAM RETE GAS (SRG.MI) e SAIPEM (SPMI.MI).

* Sopra la parità PIRELLI PECI.MI e FIAT FIA.MI, in sintonia con il settore automotive .SXAP. Pirelli si giova dell‘avvio della copertura, con “buy”, di Rbs. Per quanto riguarda Fiat, un dealer riferisce che “Goldman Sachs ha aggiunto il titolo alla conviction buy list”. Nel comparto, fuori dal paniere principale, tonica SOGEFI (SGFI.MI).

* In ribasso AZIMUT (AZMT.MI), CAMPARI (CPRI.MI), MEDIASET (MS.MI), AUTOGRILL (AGL.MI) e STM (STM.MI).

* Fra le mid cap, corre STEFANEL (STEP.MI) (in asta di volatilità, +10,34% teorico): un settimanale ha riportato i piani di quotazione a Zurigo della partecipata Nuance.

* JUVENTUS (JUVE.MI) in flessione. Un quotidiano ha anticipato che la perdita è più che raddoppiata a causa di una minusvalenza sulla cessione di Diego. Ieri sera, i bianconeri sono stati sconfitti per 3 a 1 dal Palermo.

* SOPAF SPFI.MI negativa dopo che un quotidiano ha riferito dell‘accordo con le banche sulla rimodulazione del debito. Il titolo, peraltro, aveva messo a segno un rally nei giorni scorsi.

* Non si arresta la discesa di PIAGGIO (PIA.MI), cominciata ieri dopo la pubblicazione del piano industriale.

* In denaro BUONGIORNO BVIT.MI: ieri, intervistato da Reuters, l‘AD Andrea Casalini ha detto di prevedere per quest‘anno ricavi in moderata crescita ed Ebitda adjusted in lieve calo.

* Bene COIN GCN.MI, al galoppo da diverse sedute sulla partenza del processo di vendita da parte dell‘azionista di riferimento Pai Partners.

* Continua il rally di AEFFE (AEF.MI), cominciato ieri dopo che il presidente Massimo Ferretti ha fornito indicazioni positive sull‘andamento delle vendite.

* DE’ LONGHI (DLG.MI) positiva: un quotidiano ha scritto che ha ottenuto nuovi finanziamenti per 35 milioni.

* Dopo aver annunciato l‘uscita dalla black list di Consob, BEE TEAM (BET.MI) non ha mai fatto prezzo e segna un rialzo teorico del 18,86%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below