23 settembre 2010 / 08:48 / tra 7 anni

Borsa Milano passa in negativo,realizzate Mediolanum, Mediobanca

MILANO, 23 settembre (Reuters) - E’ durata poco l‘illusione di un rimbalzo consistente a Piazza Affari.

Se, infatti, UniCredit sta tentando di rialzare la testa, i titoli che hanno brillato ieri, Mediobanca, Mediolanum e Fiat, vengono colpiti dalle prese di beneficio. Male i finanziari.

Il clima è molto incerto, sottolineano gli operatori. “Tutti sono timorosi”, argomenta un trader. “Il Fomc dell‘altro giorno non ha fornito indicazioni. Si attendono dati macroeconomici importanti nei prossimi due giorni”.

Attorno alle 10,35, l‘indice Ftse Mib .FTMIB perde lo 0,5% circa, così come l‘AllShare .FTITLMS, mentre il Mid Cap .FTITMC cede lo 0,1% circa. Volumi per un controvalore di circa 1,5 miliardi di euro.

* UNICREDIT (CRDI.MI) recupera una piccola parte delle perdite registrate nelle ultime due sedute, conseguenza delle dimissioni di Alessandro Profumo.

* Prese di beneficio su MEDIOBANCA (MDBI.MI) e MEDIOLANUM MED.MI, che, secondo l‘interpretazione di un quotidiano di ieri, sarebbero protagoniste di un riassetto complessivo del sistema finanziario dopo l‘uscita di scena di Profumo. Il presidente di GENERALI (GASI.MI), Cesare Geronzi, e quello di UniCredit, Dieter Rampl, hanno detto di non sapere nulla di piani di fusione Mediobanca-Generali.

* Segno meno per le altre banche: MONTEPASCHI (BMPS.MI), BANCO POPOLARE BAPO.MI, e UBI (UBI.MI).

* Tonica LUXOTTICA (LUX.MI): Nomura ha alzato il rating a Buy da Neutral. Nel report, il broker, che ha portato il target price a 22 da 21 euro, scrive che il produttore di occhiali dai picchi di aprile ha registrato una delle peggiori performance nel settore del lusso, sottolineando che scambia con un premio del 5% rispetto al comparto.

* Bene ENEL (ENEI.MI): l‘AD Fulvio Conti ha detto di vedere l‘Ebitda 2010 a 17 miliardi, aggiungendo che l‘obiettivo del gruppo è ridurre il debito di 6 miliardi grazie all‘Ipo di Green Power.

* Incerta FINMECCANICA SIFI.MI: un quotidiano ha riportato i piani del gruppo nel settore ferroviario, che coinvolgono ANSALDO STS (STS.MI).

* Realizzata A2A (A2.MI), ieri protagonista di un rally sull‘attesa del piano dell‘adviser sul riassetto di EDISON EDN.MI.

* SAIPEM (SPMI.MI) arranca: JP Morgan ha tagliato il rating a Neutral da Overweight.

* Rimbalza PIRELLI PECI.MI, ieri in difficoltà, penalizzata da un downgrade. Un broker estero, in una nota, sostiene che “non ci sono prospettive di risultati oltre le attese del mercato”, la generazione di flussi di cassa “è debole”, il titolo ha “una valutazione non attraente”.

* In denaro altri titoli ieri appesantiti: TELECOM ITALIA (TLIT.MI), AUTOGRILL (AGL.MI) e BULGARI BULG.MI.

* Male PIAGGIO (PIA.MI) dopo aver annunciato di vedere un fatturato di 1,9 miliardi e un Ebitda di 285 milioni nel 2013. “Il piano industriale è un po’ conservativo”, spiega un dealer.

* Fra le small cap, corre UNI LAND UNL.MI: il gruppo ha annunciato la cessione di un terreno a Ferrara e l‘acquisto di una partecipazione in un centro commerciale a Reggio Emilia.

* In denaro MOLMED (MLMD.MI), che ieri ha comunicato risultati positivi dei test clinici del farmaco NRG-hTNF.

* Prosegue il rally, che dura da tempo, di PININFARINA (PNNI.MI) e SOPAF SPFI.MI.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below