25 agosto 2010 / 11:19 / tra 7 anni

Borsa Milano conferma debolezza, attende dati Usa

MILANO, 25 agosto (Reuters) - A Piazza Affari si conferma la debolezza in attesa di nuove indicazioni dai dati Usa, dopo le contrastanti indicazioni arrivate dall‘Europa.

Il dato positivo e sopra le attese sulla fiducia delle imprese tedesche non è riuscito a incoraggiare i mercati innervositi dal taglio del rating irlandese.

Pochi gli spunti di rilievo sul listino milanese dove si registrano, in linea alle ultime sedute, scarsi volumi.

“C’è nervosimo e il mercato cerca una direzione. Qualche indicazione più precisa potrebbe arrivare dai dati americani del pomeriggio”, si limita a commentare un trader.

Poco dopo le 13,00 l‘indice FTSE Mib .FTMIB è in calo dello 0,38%, l‘AllShare .FTITLMS dello 0,31%, mentre il Mid Cap .FTITMC è piatto. Volumi per 960 milioni di euro circa.

In Europa l‘indice Stoxx 600 cede lo 0,3%, mentre i futures sugli indici Usa viaggiano in terreno leggermente negativo.

* Il peggiore titolo del FTSE Mib è BUZZI (BZU.MI), in calo del 3,35% a causa del momento negativo per tutto il settore delle costruzioni e del cemento anche se ITALCEMENTI ITAI.MI prova a recuperare (+0,2%) dopo lo scivolone della vigilia. Ancora debole IMPREGILO IPGI.MI a -0,4%.

* Bancari in calo in attesa della tornata di trimestrali: tra le big domani è il turno di MPS (BMPS.MI) e POP MILANO PMII.MI, in calo rispettivamente dello 0,8% e dello 0,5% mentre venerdì toccherà a INTESA SANPAOLO (ISP.MI) (-1,3%), BANCO POPOLARE BAPO.MI (-0,6%) e UBI (UBI.MI) (-0,2%)

Dai bilanci bancari gli analisti non si aspettano grandi sorprese rispetto alla tendenza vista nel primo trimestre, con margine di interesse e ricavi da trading sotto pressione, mentre l‘attenzione sarà rivolta alla qualità del credito.

* Proseguono le vendite su TENARIS TNR.MI, in ribasso dell‘1,6%, calo frenato dal raggiungimento dei nuovi minimi intraday dai nove mesi a quota 13 euro.

* Sul fronte positivo, sempre nel paniere princiale di Piazza Affari, ATLANTIA (ATL.MI) avanza dell‘1,7%, ma dalle sale operative non giungono spiegazioni particolari alla base della performance.

* Bene TELECOM ITALIA (TLIT.MI) (+0,8%) e MEDIASET (MS.MI) (+0,4%), tra i migliori insieme ai più difensivi TERNA (TRN.MI) (+0,6%) e SNAM (SRG.MI) (+0,9%).

* Fuori dal FTSE Mib GEMINA GEMI.MI sale dello 0,2%: ieri il ministro dei Trasporti Matteoli ha assicurato che l‘aumento delle tariffe aeroportuali, rinviato da tempo, sarà deliberato nella prossima riunione del Cipe.

“E’ sicuramente una buona notizia per Gemina e l‘aiuterà a mantenere la sua struttura finanziaria sotto controllo insieme a all‘aumento del traffico anche se stiamo ancora aspettando aggiornamenti sulle trattative per il contratto di programma”, commenta Banca Akros.

Qualche settimana fa la controllata Adr che gestisce gli scali aeroportuali romani ha annuciato di blocccare gli investimenti in attesa del via libera agli incrementi tarriffari.

Nuovi massimi per OLIDATA (OLI.MI) (+11,2%) che prosegue la sua corsa estiva; nuovo rialzo per STEFANEL (STEP.MI), +8%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below