16 agosto 2010 / 15:48 / 7 anni fa

Borsa Milano recupera buona parte perdite dopo tenuta Wall St.

MILANO, 16 agosto (Reuters) - Piazza Affari recupera nelle ultime ore di contrattazioni buona parte delle perdite registrate fino al primo pomeriggio, andando a chiudere con un calo contenuto rispetto all‘andamento della giornata.

L‘intonazione negativa della seduta, sottolineata della notizia del rallentamento dell‘economia giapponese, è parsa ammorbidirsi quando gli indici di Wall Street, dopo un‘apertura negativa, sono rapidamente riusciti a riagganciare la parità. Alcune buone trimestrali hanno spinto poi il listino tecnologico Nasdaq in territorio abbondantemente positivo.

“Sono movimenti abbastanza estemporanei”, dice un trader, “difficilmente il mercato prenderà posizione in questa fase”.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB chiude in calo dello 0,31%, dopo avere superato abbondantemente il punto percentuale di calo. L‘AllShare .FTITLMS perde lo 0,26%, mentre il Mid Cap .FTITMC segna un cauto rialzo a +0,20%. I volumi valgono 1,34 miliardi di euro.

Tra i titoli in evidenza:

* Chiudono in rialzo oltre il 2% IMPREGILO IPGI.MI e PIRELLI PECI.MI. Il costruttore, dice un gestore, balza grazie all‘avvio della gara da 3 miliardi riservata alle imprese italiane per la costruzione di un‘autostrada in Libia. La stessa notizia lancia su rialzi simili la rivale ASTALDI (AST.MI), anch‘essa -- spiega il gestore -- data partecipante alla gara.

* Perde invece il 2,57% ANSALDO STS (STS.MI), tracciando una nuova, brusca oscillazione nell‘andamento altalenante delle ultime settimane. Il titolo aveva chiuso forte la settimana scorsa grazie alle commesse conquistate in Libia, dopo avere subito pesanti cali in seguito alla pubblicazione dei risultati.

* Deboli ma nettamente sopra ai minimi le banche, con gli alfieri del settore, INTESA SANPAOLO (ISP.MI) e UNICREDIT (CRDI.MI), che dopo avere perso oltre un punto percentuale chiudono in calo frazionale come lo stoxx europeo .SX7P che cede lo 0,6%. Fa peggio UBI (UBI.MI) con oltre l‘1% di ribasso, fra le finanziarie segna un moderato rialzo AZIMUT (AZMT.MI).

* Deboli anche gli assicurativi, dove UNIPOL (UNPI.MI) cede circa l‘1,2% mentre GENERALI (GASI.MI) resta in linea con la media del comparto .SXIP con un calo dello 0,7%. Tiene invece FONDIARIA SAI FOSA.MI, piatta dopo i cali ripetuti delle scorse sedute.

* FIAT FIA.MI chiude con un rialzo allineato a quello dell‘auto in Europa .SXAP a +0,84%. Il titolo resta comunque lontano dalla soglia dei 10 euro superata nelle scorse settimane al termine di un lungo rally, prima che tornasse a perdere quota.

* Cede quasi l‘1% TELECOM ITALIA (TLIT.MI), secondo un operatore vittima della decisione degli investitori di monetizzare i rialzi della scorsa settimana.

* Fuori dal paniere principale, balza a +17,2% PININFARINA (PNNI.MI), dopo il rialzo (+10%) segnato nella giornata di venerdì, con volumi pari a dieci volte la media giornaliera del periodo. Un gestore parla della fine del contenzioso legale con la giapponese Mitsubishi (decisione non di questi giorni), mentre la società si dice all‘oscuro di ragioni che possano giustificare un tale movimento.

* Vola anche STEFANEL (STEP.MI) a +8,8%. La società ha chiuso lo scorso 9 agosto con successo l‘aumento di capitale da 49,9 milioni di euro, che, tra l‘altro, ha visto Giovanna Stefanel passare dal 10% circa allo 0,385% del capitale.

* Cede oltre il 5%, ARKIMEDICA AKM.MI, prese di beneficio -- dopo i forti rialzi della scorsa settimana -- su INVESTIMENTI E SVILUPPO IES.MI che cede il 4,3%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below