23 luglio 2010 / 11:24 / 7 anni fa

Borsa Milano ingessata da attesa stress test, in calo le banche

MILANO, 23 luglio (Reuters) - Piazza Affari procede senza scossoni in una giornata incentrata sull‘attesa dei risultati degli strees test sulle banche Ue che saranno pubblicati nel tardo pomeriggio, a mercati chiusi.

La maggiore convinzione della vigilia sugli esiti delle simulazioni dei bilanci bancari al verificarsi di alcuni scenari macro avversi, ha lasciato il posto a un più cauto ottimismo oggi.

I trader sottolineano tuttavia che la debolezza del listino di oggi è da attribuirsi a un clima di attesa e un fisologico ritracciamento dopo gli ultimi rialzi, nonostante le indicazioni positive che arrivano dai futures sugli indici di Wal Street.

“Dopo la corsa delle ultime sedute ci si ferma un po’. Si preferisce non prendere posizioni in attesa degli stress test”,. dice un operatore.

Attorno alle 13,10 l‘indice FTSE Mib .FTMIB è in leggero calo dello 0,27%, l‘AllShare .FTITLMS dello 0,25% e il Mid Cap .FTITMC dello 0,27%. Volumi sottili e poco sotto il miliardo di euro.

* STM (STM.MI) si conferma il peggior titolo del paniere principale con un calo di oltre il 3% dopo i risultati del secondo trimestre. I risultati sono positivi e sostanzialmente in linea alle attese, dicono i trader, ma “forse ci si aspettava qualcosa di più alla luce delle ottime trimestrali americane del settore tech”, sottolinea un operatore.

Secondo Banca Akros, i risultati del trimestre e l‘outlook sono buoni ma la parte relativa ai chip wireless, che Stm produce in Jv con la svedese Ericsson “resta un problema”.

* Lieve tensione sulle banche, deboli in tutta Europa con lo Stoxx sul comparto .SX7P in calo 0,1%.

Limitatamente agli istituti italiani sottoposti agli stress test, UBI (UBI.MI) cede l‘1%, BANCO POPOLARE BAPO.MI lo 0,8%, UNICREDIT (CRDI.MI) lo 0,6%, INTESA SANPAOLO (ISP.MI) lo 0,3% e MPS (BMPS.MI) lo 0,1%.

* Sul fronte di rialzi LUXOTTICA (LUX.MI) sale del 2% in attesa della trimestrale che sarà annunciata lunedì. Acquisti su BUZZI (BZU.MI), in rialzo dello 0,9%, e su ITALCEMENTI ITAI.MI (+0,6%) beneficiando, secondo un trader, delle buone prestazioni del settore del cemento a Wall Street ieri.

* AUTOGRILL (AGL.MI) avanza dello 0,7% dopo che Ubs ha alzato il target price a 10 da 9 euro.

* ANSALDO STS (STS.MI) guadagna un lieve 0,2%: Banca Akros ricorda che il Cipe ieri ha approvato il finanziamento della tratta T3 della linea C della metropolitana di Roma per 792 milioni di euro, progetto che per Ansaldo “dovrebbe tradursi in un contratto da 100 milioni di euro, che rappresenta il 6% (in media) del target dei nuovi ordini per il 2010”.

* Bene anche FIAT FIA.MI (+0,9%), appena sotto i massimi di giornata di 10 euro. Il mercato ricorda ancora l‘ottima trimestrale e sembra ingnorare le tensioni politiche, riportate dalla stampa, sul piano industriale del gruppo dopo l‘annuncio dello spostamento in Serbia della produzione della nuova monovolume.

* Tra i minori rimbalza RISANAMENTO (RN.MI), + 5,2% dopo che il Cda ieri ha deciso che presenterà la richiesta di riesame del provvedimento di sequestro dell‘area di Santa Giulia e incaricherà una società esperta di ambiente di valutare gli eventuali interventi da affettuare sull‘area e relativi costi.

* STEFANEL (STEP.MI), in asta di volatilità con un teorico +7,7% a 0,739 euro nell‘ultimo giorno dell‘aumento di capitale.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below