23 luglio 2010 / 09:28 / 7 anni fa

Borsa Milano fiacca, deboli banche in attesa stress test

MILANO, 23 luglio (Reuters) - Seduta poco movimentata e con scarsi spunti a Piazza Affari in un mercato che resta in attesa dei risultati degli stress test che saranno pubblicati nel tardo pomeriggio di oggi sullo stato di salute di 91 banche Ue.

Tra i pochi temi di rilievo in questa prima parte della seduta, Stm, in deciso calo dopo la trimestrale. Debolezza generale sui bancari in tutta Europa.

“Tutto il mercato è in sospeso in attesa degli stress test e nel frattempo si fa molto poco”, dice un tarder.

“Qualche spunto potrebbe forse arrivare nel pomeriggio con Wall Street e qualche trimestrale Usa, come è accaduto ieri. Per il resto dobbiamo lasciare passare gli street test e quindi se ne riparlerà lunedì”, aggiunge.

Attorno alle 11,20 l‘indice FTSE Mib .FTMIB è in leggero calo dello 0,4%, l‘AllShare .FTITLMS dello 0,39% e il Mid Cap .FTITMC dello 0,36%. Volumi sottili e pari a 670 milioni di euro circa.

* STM (STM.MI) perde il 3% dopo i risultati del secondo trimestre che un trader giudica sostanzialmente in linea alle attese. “Forse ci si aspettava qualcosa di più alla luce delle ottime trimestrali americane del settore tech”, agggiunge.

Secondo Banca Akros, i risultati del trimestre e l‘outlook sono buoni ma la parte relativa ai chip wireless, che Stm produce in joint venture con la svedese Ericsson “resta un problema”.

* Qualche segnale di nervosismo si registra sui titoli del comparto bancario, che in Europa .SX7P cede lo 0,5%.

Limitatamente agli istituti italiani sottoposti agli stress test, UBI (UBI.MI) e UNICREDIT (CRDI.MI) perdono l‘1% circa, INTESA SANPAOLO (ISP.MI) lo 0,3%, MPS (BMPS.MI) lo 0,7% e BANCO POPOLARE BAPO.MI lo 0,5%.

In un sondaggio condotto da Goldman Sachs, l‘89% delle banche europee supererà gli stress test, mentre 10 banche sulle 91 testate fallirà la prova.

* Leggeri realizzi su PRYSMIAN (PRY.MI) dopo i forti guadagni di ieri, mentre sono deboli anche i telefonici e energetici.

* Sul fronte di rialzi LUXOTTICA (LUX.MI) sale del 2%. Acquisti sui titoli del cemento con ITALCEMENTI ITAI.MI e BIZZU (BZU.MI), entrambi in rialzo dello 0,7% circa, secondo un tarder in scia alle buone prestazioni del settore a Wall Street ieri.

* Tra i minori rimbalza RISANAMENTO (RN.MI), in asta di volatilità con un teorico +7,9% dopo che il Cda ieri ha deciso che presenterà la richiesta di riesame del provvedimento di sequestro dell‘area di Santa Giulia e incaricherà una società esperta di ambiente di valutare gli eventuali interventi da affettuare sull‘area e relativi costi.

* STEFANEL (STEP.MI) sale del 6,6% a 0,7315 euro nell‘ultimo giorno dell‘aumento di capitale.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below