16 luglio 2010 / 15:50 / 7 anni fa

Borsa Milano chiude in calo sopra massimi, Telecom Italia -4,5%

MILANO, 16 luglio (Reuters) - Piazza Affari viene trascinata nel calo generale dei mercati seguito alla delusione per l‘aggiornamento sui prezzi al consumo e sulla fiducia dei consumatori americani, a dispetto di un andamento tendenzialmente buono dei risultati societari.

Dopo essere stata incerta nel corso della mattinata, la Borsa di Milano ha sfiorato il punto percentuale di rialzo all‘ora di pranzo, quando le trimestrali blue chip americane come General Electric (GE.N) e Bank of America (BAC.N) sono sembrate inizialmente sorprendere in positivo i mercati.

Ma l‘azionario milanese ha rapidamente perso quota con l‘apertura negativa di Wall Street, per poi scendere brevemente sotto il 2% quando la lettura preliminare dell‘indice Reuters-Università del Michigan ha deluso le aspettative.

“Ci sono dati oggettivi positivi, tutte le trimestrali importanti sono meglio delle previsioni”, commenta un trader. “Ma il mercato segue movimenti di tipo esclusivamente tecnico e reagisce piuttosto a dati impalpabili come il mood dei consumatori”.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB chiude in netto calo a -1,56%, l‘AllShare .FTITLMS a -1,57% e il Mid Cap .FTITMC a -1,08%. Volumi pari a 2,2 miliardi di euro.

Tra i titoli in evidenza:

* Ruzzolone di TELECOM ITALIA (TLIT.MI) che cede oltre il 4,5%, con le indicazioni dalle sale operative che parlano di vendite tecniche su cedimenti di livelli supportivi. Lo stoxx delle tlc .SXKP perde circa l‘1,6%.

* Calo deciso anche per ITALCEMENTI ITAI.MI, CIR (CIRX.MI) e MEDIOLANUM (MDBI.MI), tutte con oltre tre punti percentuali di perdita. “In condizioni di mercato normali mi aspetterei che l‘ipotesi di interesse di Axa per Kos sostenesse il titolo Cir”, osserva perplesso un trader. “Ma oggi si è guardato poco ai driver economici e più al sentiment”.

* Male anche UNIPOL (UNPI.MI), che cede a sua volta quasi il 3%, su cali simili AUTOGRILL (AGL.MI).

* Deboli tutte le banche, con BANCO POPOLARE BAPO.MI peggiore del gruppo a -2,67% mentre POPOLARE MILANO PMII.MI è quella che evidenzia la migliore tenuta a -0,34%. Il comparto in Italia si comporta mediamente meglio che a livello europeo .SX7P, dove la caduta è del 2,8%.

* Buona tenuta di PARMALAT (PLT.MI) e ANSALDO STS (STS.MI), unici titoli in rialzo -- seppur frazionale -- nell‘indice delle blue chip milanesi, mentre sfiorano la parità senza raggiungerla PIRELLI PECI.MI e GEOX (GEO.MI). * Tiene relativamente anche FIAT FIA.MI, che contiene il calo allo 0,32% in linea con lo stoxx auto europeo .SXAP.

* Fuori dal paniere principale, seconda seduta in calo pesante dopo la serie positiva di STEFANEL (STEP.MI) a -36%, con i diritti relativi all‘aumento di capitale STEP_r.MI che invece guadagnano il 33,6%.

* Cede oltre il 6% SOPAF SPFI.MI, colpita dai realizzi dopo il rally di ieri.

* Rimbalzo deciso invece per I GRANDI VIAGGI (IGV.MI), ieri trascinata al ribasso dal fallimenti dei Viaggi del Ventaglio VVE.MI e oggi miglior titolo a Milano a +7,76%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below