4 giugno 2010 / 15:54 / tra 8 anni

Borsa Milano chiude in deciso calo, crollano bancari su Ungheria

MILANO, 4 giugno (Reuters) - Piazza Affari chiude in deciso calo, trascinata dal crollo dei titoli bancari sulle voci di un‘esposizione sui derivati di Societe Generale (SOGN.PA) e su una possibile crisi dell‘Ungheria.

“Pesano le notizie sull‘Ungheria.. ma la reazione mi sembra sproporzionata” sottolinea una trader, sottolineando come abbiano contribuito al ribasso anche i dati americani sotto le attese sugli occupati non agricoli a maggio e la parole del primo ministro francese sull‘euro.

La moneta unica oggi ha toccato i nuovi minimi degli ultimi quattro anni, sotto 1,20 dollari.

A causa del peso dal settore bancario nel principale listino italiano, il Ftse Mib sottoperforma rispetto all‘indice europeo Ftseurofirst, che ha limitato le perdite a circa il 2%. Le perdite degli istituti italiani sono inoltre più pesanti dei concorrenti eruopei.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB ha chiuso in calo del 3,79%, l‘AllShare .FTITLMS del 3,6% e il MidCap .FTITMC del 2,8%. I volumi valgono 3,7 miliardi di euro.

* In deciso calo tutti i bancari, che oltre delle voci su SocGen e dell‘Ungheria, risentono, secondo un trader, anche del colpo assestato alle big spagnole BBVA (BBVA.MC) e Santander (SAN.MC) dal downgrade di un grosso broker.

INTESA SP (ISP.MI) cede il 6,1%, mentre UNICREDIT (CRDI.MI), UBI BANCA (UBI.MI), POP MILANO PMII.MI, BANCO POPOLARE BAPO.MI registrano perdite superiori al 5%. L‘indice europeo di settore .SX7P cede il 3,76%.

* Male anche gli assicurativi, con MEDIOLANUM MED.MI, UNIPOL (UNPI.MI) e GENERALI (GASI.MI) che scivolano oltre il -4%.

* STM (STM.MI) è l‘unico titolo positivo (+0,46%) del paniere principale, grazie ai miglioramenti di rating da parte di Akros, Ubs e SocGen.

* PIRELLI PECI.MI (-0,77%) e la controllata PIRELLI RE (-0,86%) (PCRE.MI) limitano le perdite. Dopo le smentite riguardo a una possibile Opa sull‘immobiliare, voce che aveva spinto il titolo fino al +8% in apertura, le società sono passate gradualmente in negativo.

* MEDIASET (MS.MI) cede l‘1,78%, meglio del resto del listino. Secondo un trader ha beneficiato di voci di mercato in Spagna circa il possibile acquisto della quota restante di Digital+ dal gruppo Prisa insieme a Telefonica.

* Fuori dal paniere principale, corre MONRIF (EDII.MI) e amplia i forti guadagni di ieri ROSSS (ROSS.MI), anche se la società dice di non essere a conoscenze delle ragioni del rialzo.

* FIDIA (FDA.MI) cede oltre il 6% sui realizzi conseguenti al rally di ieri.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below