4 giugno 2010 / 09:07 / 8 anni fa

Borsa Milano positiva sotto Europa, bene Stm,rallenta Pirelli RE

MILANO, 4 giugno (Reuters) - Piazza Affari si conferma positiva ma non riesce ad agganciare il passo delle altre borse europee in una giornata di moderati rialzi nell‘attesa di luci dal mondo del lavoro degli Stati Uniti.

Alle 14,30 italiane arriveranno da Washington gli aggiornamenti sul numero di occupati non agricoli negli Usa a maggio, le ore lavorate e il costo del lavoro dipendente.

“Oggi i temi sono principalmente macroeconomici, aspettiamo il mercato del lavoro americano”, dice un trader. “Ma i volumi restano bassi”.

Intorno alle 11,00 l‘indice FTSE Mib .FTMIB è in crescita dello 0,39%, l‘AllShare .FTITLMS guadagna lo 0,41% e il MidCap .FTITMC lo 0,28%. I volumi sfiorano il 1 miliardo di euro.

* Allunga oltre il +3% STM (STM.MI), sostenuta da una serie di miglioramenti di rating: il titolo è promosso da Ubs, Société Générale e da un broker italiano, secondo quanto riferisce un trader.

* PIRELLI PECI.MI e la controllata PIRELLI RE (PCRE.MI) corrono sulle indiscrezioni di stampa circa una possibile Opa sull‘immobiliare da parte di un consorzio di cui farebbero parte l‘ex AD della real estate, Carlo Pur Negri, Matteo Arpe e Morgan Stanley. Categorica la smentita da parte di Banca Profilo, presunto advisor dell‘operazione, secondo cui “non c’è nessun accordo su una possibile Opa”. Il titolo RE, balzato a +8% in apertura, ha ripiegato intorno al +4%.

* Sale del 2,5% MEDIASET (MS.MI), che secondo un trader beneficia di voci di mercato in Spagna circa il possibile acquisto della quota restante di Digital+ dal gruppo Prisa insieme a Telefonica.

* Cedono leggermente terreno MONTEPASCHI (BMPS.MI) e UBI BANCA (UBI.MI), in controtendenza rispetto a un settore .SX7P che sale dello 0,4% in Europa. Secondo un trader le due banche scontano le voci sull‘esposizione - comunque modesta - rispetto ai debiti di Eutelia EUT.MI, appena dichiarata insolvente dal Tribunale di Arezzo.

Meglio le altre banche, con rialzi frazionali per UNICREDIT (CRDI.MI), MEDIOBANCA (MDBI.MI) INTESA SP (ISP.MI) e le popolari.

* Cede circa lo 0,5% CAMPARI (CPRI.MI), che paga il taglio di rating da parte di Evolution Securities. Prese di beneficio su BULGARI BULG.MI, anch‘essa intorno al mezzo punto percentuale di calo.

* Fuori dal paniere principale, rimbalzi decisi per DIGITAL BROS (DIB.MI) e DADA (DA.MI), ieri negativi, mentre FIDIA (FDA.MI) scende di quasi cinque punti percentuali sui realizzi conseguenti al rally di ieri.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below