31 maggio 2010 / 15:57 / tra 8 anni

Borsa Milano chiude in lieve rialzo, scambi bassi, in luce Exor

MILANO, 31 maggio (Reuters) - Piazza Affari chiude in leggero rialzo una seduta caratterizzata da bassi volumi, anche per la chiusura delle piazze di New York e Londra per festività, e da spunti selettivi su bluechip e mid cap.

“Con Londra e New York chiuse, i volumi sono molto bassi” sottolinea un trader. Oggi sono stati infatti effettuati scambi per un controvalore di 1,5 miliardi di euro circa, ben al di sotto di quanto registrato nelle scorse sedute.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB ha chiuso in rialzo dello 0,35%, in linea con le altre borse europee. Anche l‘AllShare .FTITLMS è avanzato dello 0,35%, più tonico il MidCap .FTITMC che sale dello 0,81%.

* FINMECCANICA SIFI.MI ha recuperato (+2,3%) parte delle perdite registrate venerdì sulle voci di problemi giudiziari. “Il titolo mette a segno un piccolo rimbalzo” sottolinea un trader, spiegando che “il mercato sembra dare credito a quanto dichiarato da Guarguaglini”. Il presidente e AD del gruppo ha negato, in un‘intervista su Repubblica di ieri, di aver mai costituito fondi neri all‘estero.

* Tonico tutto il settore auto, che va oltre il buon rialzo messo a segno dallo stoxx europeo (+1,15%) .SXAP. PIRELLI PECI.MI sale del 2,01%, mentre FIAT FIA.MI guadagna l‘1,77%.

* In spolvero la controllante della casa automobilistica: EXOR (EXOR.MI) è il miglior titolo del listino, con un rialzo del 3,9%.

* Positivi i titoli bancari. UNICREDIT (CRDI.MI) (+1,58%) guida il settore, seguita a breve distanza, poco sopra l‘1%, da INTESA (ISP.MI) e MONTEPASCHI (BMPS.MI). Meno tonica BANCO POPOLARE BAPO.MI, che non va oltre lo 0,22%.

* Deboli i telefonici, sottoperformando un comparto tlc .SXKP poco ispirato in tutta Europa a -0,14%. In fondo al listino principale c’è TELECOM ITALIA (TLIT.MI), che cede l‘1,86%. FASTWEB FWB.MI cede invece il 2,08%.

* In calo anche i cementiferi, con BUZZI (BZU.MI) che cede l‘1,16% e ITALCEMENTI ITAI.MI lo 0,79%.

* Buone performance di IMPREGILO IPGI.MI e MEDIOLANUM MED.MI, attribuite da un trader a commenti positivi di un broker.

* Tra le mid e small cap cede quasi l‘8% ACTELIOS (AA4.MI), che ha annunciato venerdì il consolidamento delle attività nel campo dell‘energia rinnovabile del gruppo Falck con un aumento di capitale in opzione fino a 130 milioni di euro. “Penso proprio che sia quello il problema, l‘aumento di capitale”, osserva un trader. “Non è gradita la richiesta di uno sforzo ai soci”.

* LANDI RENZO (LR.MI), produttore di kit per la conversione dell‘alimentazione dei veicoli a gas naturale e metano, ha guadagnato quasi il 5% sulle voci circa l‘imminente approvazione, in Italia e negli Usa, di normative favorevoli a queste tecnologie, secondo un broker.

* Tra i titoli migliori, si segnalano MONTEFIBRE MFBI.MI e DMAIL GROUP DMA.MI. RICCHETTI (RICC.MI) chiude in rialzo del 4,66% dopo essere finito in asta di volatilità con un teorico +14%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below