29 aprile 2010 / 15:52 / 8 anni fa

Borsa Milano rimbalza, banche frenate, corre Mediaset

MILANO, 29 aprile (Reuters) - Piazza Affari archivia una seduta positiva, caratterizzata da un rimbalzo piuttosto timido dopo la caduta di ieri.

Rassicurate dalla possibilità di via libera agli aiuti alla Grecia, le borse europee hanno visto prevalere il denaro. Milano, però, è stata un po’ zavorrata dalla debolezza delle banche, il cui mancato rimbalzo pare pagare, paradossalmente, la loro limitata esposizione ai Pigs.

In chiusura, l‘indice FTSE Mib .FTMIB ha guadagnato lo 0,9%, l‘AllShare .FTITLMS l‘1% e l‘AllStar .FTSTAR l‘1,4%. Volumi per un controvalore di circa 3,8 miliardi di euro.

* Piazza Affari non è decollata perché le banche sono rimaste ancorate attorno alla parità, sebbene il paniere europeo .SX7P sia balzato del 2,35%. INTESA SANPAOLO (ISP.MI) ha perso lo 0,6%, oscillando un po’ dopo la notizia pomeridiana che Domenico Siniscalco ha ritirato la disponibilità alla presidenza del consiglio di gestione, in polemica con la Compagnia Sanpaolo. Debole UBI BANCA (UBI.MI): -0,68%. BANCO POPOLARE BAPO.MI ha terminato in lieve rialzo (+0,21%), così come MONTEPASCHI (BMPS.MI) (+0,28%) e POP MILANO PMII.MI (+0,3%), mentre UNICREDIT (CRDI.MI), con un improvviso scatto in chiusura, è salita dell‘1,01%. Un dealer ritiene che gli istituti italiani paghino “l‘esposizione limitata a Spagna, Portogallo... ai Pigs, insomma”. Gli operatori pensano che, se nelle settimane scorse le banche tricolori avevano fatto meglio delle concorrenti europee grazie al peso quasi nullo nei portafogli dei titoli greci, ora, dopo la promessa del sostegno ad Atene, si verifica il paradosso che ne pagano lo scotto.

* Rally di MEDIASET (MS.MI): +4,88%. I trader attribuiscono la performance ad alcuni giudizi positivi da parte di broker, alla raccolta pubblicitaria registrata nei primi tre mesi dalla controllata Telecinco (TL5.MC) e alla prospettiva di partecipare in consorzio alla gara per il Gratta&Vinci.

* In denaro le società legate alle costruzioni: lo stoxx europeo .SXOP è salito del 2,53%. A Milano, BUZZI UNICEM (BZU.MI) è avanzata del 4,38% e IMPREGILO IPGI.MI del 2,37%.

* Nella giornata in cui si è tenuta l‘assemblea, da cui è emerso che ha circa 1 miliardo di capitale in eccesso, UNIPOL (UNPI.MI) è salita del 2,9%.

* Nel comparto assicurativo, FONDIARIA-SAI FOSA.MI ha guadagnato l‘1,36% e GENERALI (GASI.MI), che ieri ha subito un taglio del rating da parte di S&P Equity, ha segnato un rialzo dell‘1,32%.

* Rimbalzo per AZIMUT (AZMT.MI) (+3,65%), uno dei titoli che ha maggiormente sofferto nelle ultime sedute. Segno più anche per AUTOGRILL (AGL.MI) (+2,83%), MONDADORI (MOED.MI) (+2,03%), CIR (CIRX.MI) (+2,8%), PRYSMIAN (PRY.MI) (+2,44%) e GEOX (GEO.MI) (+2,42%).

* LUXOTTICA (LUX.MI) ha cambiato direzione dopo la pubblicazione dei risultati del primo trimestre, terminando in calo dello 0,71%. Secondo un trader, si tratta di “prese di beneficio”, dato che Ebit e utile netto sarebbero superiori alle stime di consensus..

* Tonica TELECOM ITALIA (TLIT.MI) (+2,43%), nella giornata in cui si è tenuta l‘assemblea.

* Tra le mid cap, INDESIT IND.MI è salita del 4,53% dopo la comunicazione dei risultati del primo trimestre.

* Rimbalzo per RICHARD GINORI RG9.MI (+9,82%), nella giornata in cui l‘assemblea ha approvato il bilancio 2009.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below