9 aprile 2010 / 11:35 / tra 8 anni

Borsa Milano positiva sotto massimi, si aspetta apertura Usa

MILANO, 9 aprile (Reuters) - Piazza Affari è in rialzo a metà giornata, seppure sotto i massimi toccati nelle prime battute intorno al punto percentuale. La borsa italiana, come quelle europee, sembra muovere sull‘onda del ritrovato ottimismo nei mercati americani, che ha portato ieri la piazza di New York a chiudere la fase di storni delle ultime sedute.

“In assenza di grossi appuntamenti sul fronte macro in giornata, la borsa continua in positivo sull‘inerzia della chiusura di Wall Street”, osserva un trader. “Sarà quindi l‘apertura degli Usa oggi a imprimere il tono del resto della seduta”.

Intorno alle 13 l‘indice FTSE Mib .FTMIB sale dello 0,61%, l‘AllShare .FTITLMS dello 0,59% e il MidCap .FTITMC dello 0,47%. Volumi per 1,4 miliardi di euro. Gli indici Usa sono positivi.

* ITALCEMENTI ITAI.MI viaggia sopra ai tre punti percentuali di rialzo, spinta dalle voci di mercato che vedono tornare di attualità il progetto di fusione con la controllata francese Ciments Français CMFP.PA. Il piano, bloccato a metà 2009 dopo le richieste, giudicate eccessive, di alcuni detentori Usa dei bond, pare ora rilanciato dal buy back da 483,5 milioni delle obbligazioni Usa emesse da Ciments Français nel 2002 e 2006, annunciato ieri. Non ha fermato la corsa del titolo la ferma smentita da parte del gruppo italiano.

* In buona salute i bancari, reduci da due sedute sotto tono. In evidenza BANCO POPOLARE BAPO.MI, che ha formalizzato la presentazione di un‘unica lista per il rinnovo del Consoglio di sorveglianza, notizia attesa ma che secondo un trader, in una giornata positiva in cui si cercano spunti può influire sul titolo. Positive ma in rallentamento le altre, in particolare UNICREDIT (CRDI.MI) e POP MILANO PMII.MI, che vedono pressoché dimezzato il punto e mezzo percentuale di rialzo toccato a metà mattina.

* Positiva ma in ripiego rispetto ai massimi FINMECCANICA SIFI.MI, che accompagnerà la delegazione governativa guidata da Silvio Berlusconi in visita in Brasile, nella speranza di essere della partita per le forniture a Esercito, Marina ed Aeronautica del paese sudamericano.

* In ribasso, dopo il forte calo di ieri, PIRELLI PECI.MI, ancora vittima di realizzi secondo un trader.

* Stabile sui cali di apertura GENERALI (GASI.MI), appesantita dal timore, evocato in una polemica intervista del presidente uscente Antoine Bernheim al quotidiano francese Le Figaro, della necessità di un aumento di capitale in tempi relativamente brevi per fare fronte all‘irrigidimento dei requisiti di solvibilità.

“Le parole del presidente sono riferibili a criteri che ora futuri sembrano parzialmente superati dai nuovi orientamenti in sede comunitaria”, sottolinea, però, un portavoce. Ma per un trader la tesi di Bernheim viene considerata credibile “vista la fonte, e quando si parla di chiedere soldi al mercato senza conoscerne i termini si genera sempre una certa inquietudine”.

* Positiva LUXOTTICA (LUX.MI), mentre nel largo consumo cede CAMPARI (CPRI.MI).

* Fuori dal paniere principale, corre a +7% BIANCAMANO (BIAN.MI), che ha annunciato un nuovo appalto in Veneto e la riaggiudicazione di un appalto in Piemonte.

* Brillante anche SARAS (SRS.MI), trainata dalla corsa del piu’ grosso raffinatore europeo, PETROPLUS PPHN.VX, che sale di oltre il 6% sulla notizia dell‘acquisizione di una raffineria negli Usa.

* Sugli scudi anche FILATURA POLLONE FLTP.MI, mentre tra le rinnovabili sale ERG RENEW ENRT.MI.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below