17 marzo 2010 / 17:00 / 8 anni fa

Borsa Milano chiude rialzo, balzo Unicredit, Saipem,giù Generali

MILANO, 17 marzo (Reuters) - Piazza Affari chiude in rialzo sostenuta dalla Fed, che ha ribadito che intende mantenere i tassi contenuti per un periodo prolungato, con il mercato italiano focalizzato su Unicredit e Saipem.

“Ci sono scambi molto concentrati su un paio di temi operativi, Unicredit e Saipem”, dice un dealer.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB guadagna l‘1,2%, AllShare .FTITLMS l‘1,08% e MidCap .FTITMC lo 0,5%. I volumi in crescita a circa 2,6 miliardi di euro.

* Supera il 6% di rialzo UNICREDIT (CRDI.MI), che oggi ha annunciato un utile in calo ma superiore alle attese e la cessione della quota pari al 2,84% posseduta in GENERALI (GASI.MI). Tra gli acquirenti principali ci sono Fondazione Crt, socia di Piazza Cordusio, e la finanziaria veneta Ferak, già azionista di Generali, che hanno rilevato il 2,26%.

“Di Unicredit piacciono i risultati, il ritorno al dividendo in cash e il core tier 1”, commenta un operatore. “Di fatto, anche l‘aggiornamento sul fronte della banca unica è una buona notizia, una parziale vittoria per [l‘AD Alessandro] Profumo.”

“Anche la cessione della quota in Generali è positiva”, aggiunge un secondo trader. “Si trattava di una partecipazione che non aveva un valore strategico e che è stata venduta a un prezzo interessante”.

Profumo ha smentito stamattina le voci che lo volevano vicino alle dimissioni su un possibile rifiuto dei grandi soci di appoggiare il suo progetto di riorganizzazione.

* GENERALI, penalizzata dalla vendita è tra i peggiori dell‘indice principale con un calo dell‘1%.

* Acquisti sugli altri titoli bancari. Cresce INTESA SANPAOLO (ISP.MI), in rialzo dell‘1,8%, bene anche BANCO POPOLARE BAPO.MI e UBI BANCA (UBI.MI) sopra all‘1%.

* SAIPEM (SPMI.MI), oggetto di giudizi positivi da parte di Goldman Sachs sale del 3,5%. Il broker passa a “buy” da “neutral” e aggiunge la società alla lista “Pan-Europe buy”. Il target price sale a 38,50 dai precedenti 35,50.

* EXOR (EXOR.MI) in lieve calo (-0,3%) con FIAT FIA.MI (-0,2%). Il calo della holding sembra più collegato ai recenti rialzi che alle indiscrezioni di stampa su un interesse per KBL European Private Bankers, divisione private banking di KBC (KBC.BR). Le indiscrezioni sono uscite ieri su La Tribune e oggi sul Sole24Ore.

* SEAT PAGINE GIALLE PGIT.MI è la peggiore del listino con un calo di oltre il 4%, dopo il balzo di ieri sulla diffusione dei risultati in linea con le attese. Goldman Sachs ha alzato il target a 0,17 da 0,16 euro, confermando “sell”.

* ATLANTIA (ATL.MI) in lieve calo (-0,5%), con scambi di poco inferiori alla media. “E’ debole da qualche seduta”, dice un trader. “Non mi sembra che i volumi giustifichino grossi movimenti sul titolo”. E’ salita in modo deciso i primi giorni di marzo in concomitanza con i risultati.

* Tra le small cap, bene KR ENERGY (KAIT.MI), nel giorno in cui voci di stampa vedono in arrivo un “cavaliere bianco” che dovrebbe rilevarne il controllo dagli azionisti in difficoltà.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below