12 marzo 2010 / 12:01 / 8 anni fa

Borsa Milano conferma rialzo sostenuta da banche, giù Eni

MILANO, 12 marzo (Reuters) - Gli indici di Piazza Affari verso fine mattinata proseguono positivi ma l‘attività resta tranquilla, in attesa che dai dati macro Usa e dall‘avvio di Wall Street giunga qualche indicazione direzionale.

Continuano le vendite su Eni (ENI.MI) dopo la diffusione del piano strategico mentre salgono le banche, in sintonia con il comparto europeo che beneficia dello stop delle trattative bipartisan sulla riforma del sistema finanziario Usa.

Intorno alle 12,40 il FTSE Mib .FTMIB sale dello 0,61%, l‘Allshare .FTITLMS dello 0,53% e il MidCap .FTITMC dello 0,46%. Volumi intorno a 1,1 miliardi di euro.

In Europa il benchmark Stoxx 600 avanza dello 0,51% e a Wall Street i futures sono contrastati.

* In fondo al paniere principale resta ENI (ENI.MI) con un ribasso dell‘1,8%. I trader non segnalano grosse sorprese nel piano, che rivede al ribasso il target di crescita della produzione di idrocarburi rispetto al piano precedente, e imputano il ribasso alla delusione per la politica dei dividendi, considerata poco aggressiva, e al raffreddamento delle ipotesi di uno spezzatino del gruppo. “Chi si aspettava spiragli in vista di una ristrutturazione del gruppo, con ipotesi di una separazione del downstream del gas e petrolifero come proposto dal fondo attivista Usa Knight Vinke, è rimasto deluso, e quindi si vende”, commenta un analista.

* Si sgonfia un po’ FIAT FIA.MI che comunque mantiene il segno positivo con un +0,3%, confermando la recente tendenza favorita dalle attese sullo scorporo del settore auto.

* Denaro sui tutti i bancari, guidati da BANCO POPOLARE BAPO.MI, INTESA SANPAOLO (ISP.MI) e UNICREDIT (CRDI.MI) con progressi tra 1,5 e 1,7%, in un comparto bancario europeo .SX7P in rialzo dell‘1,1%. Esn Banca Akros in un aggiornamento sul settore italiano sottolinea che la recente correzione dei prezzi ha reso le valutazioni più interessanti. Il broker vede il sistema bancario del nostro paese ben posizionato per affrontare le sfide che si presentano su alcuni temi chiave come la velocità di uscita dalle misure di sostegno monetario, la gestione dei deficit fiscali e di conseguenza del rischio sovrano e la struttura finale di Basilea 3.

* Gli assicurativi, in progresso dello 0,9% in Europa .SXIP, a Milano vedono brillare in particolare GENERALI (GASI.MI) con un +2,5%.

* CIR (CIRX.MI), che ieri ha annunciato risultati 2009 che hanno evidenziato un utile in crescita del 50%, avanza di oltre il 2% nonostante la decisione di non pagare dividendi.

* Sale dell‘1,2% SNAM RETE GAS (SRG.MI) dopo la presentazione ieri del piano al 2013. Centrobanca in uno studio sottolinea la maggiore visibilità su politica di dividendi e capex.

* Vendute ITALCEMENTI ITAI.MI e MONDADORI (MOED.MI) con ribassi per entrambe intorno al punto percentuale e mezzo.

* Tra mid e small cap prosegue anche oggi la corsa di BOLZONI BLZ.MI che avanza del 3,4%.

* Prese di beneficio su SNIA SIAI.MI che dopo il +11% della vigilia ritraccia del 7%. Ieri la società ha detto che non vi sono novità societarie, né altri elementi che possano giustificare l‘andamento del titolo nelle ultime sedute.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below