26 febbraio 2010 / 12:05 / tra 8 anni

Borsa Milano riduce rialzo, bene Parmalat e banche, giù Pirelli

MILANO, 26 febbraio (Reuters) - Piazza Affari chiude la mattina in lieve rialzo, sotto i massimi di giornata, in linea con il resto d‘Europa che sembra aspettare i dati macro Usa e l‘avvio di Wall Street per decidere se proseguire il rimbalzo o meno.

Intorno alle 12,50 l‘indice FTSE Mib .FTMIB sale dello 0,56%, l‘AllShare .FTITLMS dello 0,54% e il Mid Cap .FTITMC dello 0,66%. Volumi per 860 milioni di euro circa.

I futures sugli indici di Wall Street sono poco mossi NDH0 SPH0 DJH0.

* PARMALAT (PLT.MI) resta in cima al listino con un rialzo del 3,1% dopo aver annnunciato ieri, a mercati chiusi, i conti 2009. “I risultati e le guidance sono un po’ sopra le attese”, dice una trader. [ID:nLDE61P0QX]

* Generalmente positive le banche, meglio dell‘Europa .SX7P. Tra queste spicca BANCO POPOLARE BAPO.MI (+3%) dopo l‘annuncio, ieri sera, della cessione di Factorit e la definizione dei termini del prestito convertibile 2010-2014, che hanno portato a un upgrade a “buy” di Banca Akros. [ID:nLDE61P0S5]. Brillante anche MEDIOLANUM MED.MI.

* Tra le assicurazioni bene GENERALI (GASI.MI), in linea con il settore .SXIP. La compagnia ha dato ieri i dati sulla raccolta premi, che un analista giudica “nel complesso positivi”.

* In rialzo TENARIS (TENR.MI) (+1,1%) dopo lo scivolone della vigilia (-11,6%) innescato dai risultati e da una serie di giudizi negativi dei broker.

* Passa in negativo FIAT FIA.MI, peggiora PIRELLI PECI.MI (-2,4%) tra auto europee .SXAP appena positive.

* TELECOM ITALIA (TLIT.MI), che negli ultimi tre giorni ha perso il 5,4% sull‘onda dell‘inchiesta che ha coinvolto la controllata Sparkle, cede un nuovo 1,8%. Il gruppo ha dato ieri, a mercati quasi chiusi, buona parte dei risultati 2009 pur non approvando il bilancio proprio a causa della vicenda giudiziaria che l‘ha investita e ha rassicurato che, rispetto all‘indagine in corso, ha una posizione totalmente protetta. “Il titolo continua a faticare, i dati 2009 e le indicazioni sul 2010 non sono stati in grado di portare a uno scatto del titolo”, osserva una trader. Secondo Akros, che conferma il rating “accumulate” con target a 1,38 euro, i conti preliminari 2009 presentano ricavi deboli e un Ebitda migliore delle attese.

* FASTWEB FWB.MI, altra società coinvolta nella maxi inchiesta per frode e riciclaggio, cede un altro 2,75% dopo aver perso in tre giorni più del 15%. “E’ una reazione esagerata”, dice un trader. “Il timore è che l‘eventuale esborso per ripagare la supposta evasione fiscale possa pesare sul business”, commenta un altro operatore.

* Pesante SARAS (SRS.MI), in calo di oltre il 5%, che stamani ha diffuso risultati che hanno deluso il mercato. [ID:nLDE61P0QX].

* Tra i titoli a minore capitalizzazione, spunti su BENI STABILI (BNSI.MI), su cui un trader cita un upgrade da parte di un broker estero.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below