18 febbraio 2010 / 16:55 / tra 8 anni

Borsa Milano in lieve rialzo,ok Telecom e Mediolanum, giù FonSai

MILANO, 18 febbraio (Reuters) - Piazza Affari archivia in moderato rialzo una seduta vissuta nel segno dell‘incertezza.

Gli operatori sottolineano come il periodo sia caratterizzato da volatilità elevata e volumi di scambio modesti, sintomo che gli istituzionali sono alla finestra.

Il mercato, dice un trader, “tutto sommato ha reagito bene ai risultati pessimi di Société Générale (SOGN.PA) e Daimler (DAIGn.DE)”.

In chiusura, l‘indice FTSE Mib .FTMIB ha guadagnato lo 0,16% e l‘All Share .FTITLMS lo 0,19%, mentre il Mid Cap .FTITMC ha perso lo 0,04%. Volumi per un controvalore di circa 2,2 miliardi di euro.

* TELECOM ITALIA (TLIT.MI) ha messo a segno un progresso del 2,32%, sostenuta, secondo gli operatori, dalla promozione di Bernstein ad “outperform” da “market perform”.

* MEDIOLANUM MED.MI ha guadagnato il 2,24%, spinta, dice un trader, da un upgrade a “buy” da “hold” di Equita. Secondo il broker, il gruppo si è dimostrato resistente in un contesto molto difficile e ora sta aumentando la massa amministrata; Equita giudica attraente la valutazione del titolo.

* Mediolanum ha fatto corsa solitaria in un comparto bancario penalizzato dai risultati di SocGen. A Milano, BANCO POPOLARE BAPO.MI ha lasciato sul terreno il 2,07%, POP MILANO PMII.MI l‘1,23%, INTESA SANPAOLO (ISP.MI) lo 0,93% e UNICREDIT (CRDI.MI) l‘1,02%.

* MEDIASET (MS.MI) tonica (+1,05%), non lontana dai massimi degli ultimi dodici mesi. Un dealer afferma che il titolo del Biscione “è ancora sottovalutato rispetto ai risultati del digitale terrestre”.

* Energetici positivi, in linea con un paniere europeo .SXEP salito dello 0,73%. TENARIS (TENR.MI) è avanzata dell‘1,37%, rinnovando intraday il massimo degli ultimi dodici mesi, a 17,030 euro. SAIPEM (SPMI.MI) ha guadagnato l‘1,26% ed ENI (ENI.MI) lo 0,95%.

* Bene ENEL (ENEI.MI) (+0,83%), nella giornata in cui fonti hanno detto che il gruppo chiuderà in anticipo di una settimana l‘offerta per il bond da 3 miliardi.

* Spunti per AUTOGRILL (AGL.MI) (+1,67%), PARMALAT (PLT.MI) (+1,4%), STM (STM.MI) (+1,78%) e BULGARI BULG.MI (+2,31%).

* Debole FIAT FIA.MI (-1,27%), protagonista ieri di un rally. Il settore automotive in Europa .SXAP ha perso il 2,09%, pagando dazio ai risultati di Daimler. Male anche EXOR (EXOR.MI): -0,96%.

* Nel comparto, PIAGGIO (PIA.MI) (+3,63%) brilla da alcune sedute. Un dealer cita le “indiscrezioni di stampa sull‘interesse di potenziali compratori del Far East” comparse nel weekend e smentite dalla capogruppo.

* FONSAI FOSA.MI (-2,76%) ha proseguito la discesa cominciata ieri, dopo la diffusione dei dati sui premi 2009. La compagnia assicurativa, secondo un trader, ha risentito di un downgrade di Mediobanca.

* LOTTOMATICA LTO.MI ha ceduto lo 0,96%. Ieri sera, Aams ha pubblicato i dati sulla raccolta delle scommesse di gennaio, salita del 15,5%. Il Lotto e il Gratta & Vinci hanno registrato, rispettivamente, un calo del 19% e del 16%. In una nota, Exane scrive che il Gratta & Vinci rappresenta il 28% della stima di Ebitda 2010 del gruppo e attribuisce la flessione al risultato straordinario del gennaio 2009 e ad un giorno in meno di vendite nello stesso mese di quest‘anno. Il broker, peraltro, evidenzia che il lancio del nuovo “Turista per sempre”, il 18 gennaio scorso, “sembra aver cannibalizzato” gli altri giochi simili. Exane conclude affermando che, al momento, non ritiene di modificare le previsioni annuali sulla base di gennaio, ma “un segnale d‘allarme è dovuto”.

* Nel comparto, balzo del 6,39% di SNAI (SNAI.MI), sebbene le scommesse ippiche, a gennaio, siano scese del 10%. Secondo un broker, la performance di Snai è dovuta al fatto che è stato raggiunto un accordo che consentirà la ripresa regolare delle corse di trotto e galoppo a Milano e Roma.

* Fra le small e mid cap, in denaro due gruppi del distretto della ceramica emiliano, ovvero CERAMICHE RICCHETTI (RICC.MI) (+6,54%) e PANARIAGROUP (PAGR.MI) (+4,12%). Nelle settimane scorse, una fonte finanziaria aveva riferito che “operatori di private equity stanno guardando” le aziende dell‘area.

* EUTELIA EUT.MI è caduta del 6,02%: ieri, la Consob ha accertato la non conformità della semestrale.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below