11 febbraio 2010 / 10:11 / tra 8 anni

Borsa Milano prosegue positiva ma rallenta, bene energia

MILANO, 11 febbraio (Reuters) - Piazza Affari prosegue la fase di rimbalzo, provando a riportarsi a livelli di una settimana fa, ma fatica a decollare definitivamente.

Gli operatori attribuiscono il ritrovato ottimismo all‘accordo per il salvataggio della Grecia. ”C’è una minore tensione sui debiti sovrani“, spiega un dealer”. “E questo si riflette positivamente sulle borse”.

D‘altro canto, i trader continuano a parlare di “rimbalzo” e sottolineano come “quest‘anno la direzione dei mercati non sia chiara, al contrario del 2009. Bisognerà abituarsi ad andare in altalena”.

Attorno alle 11, l‘indice FTSE Mib .FTMIB guadagna lo 0,5% circa, l‘AllShare .FTITLMS lo 0,5% circa e il Mid Cap .FTITMC lo 0,4% circa. Volumi per un controvalore di circa 760 milioni di euro.

* SAIPEM (SPMI.MI) prosegue la corsa cominciata ieri, dopo la pubblicazione dei risultati 2009, mettendo a segno un balzo di oltre tre punti percentuali. Vari broker hanno alzato rating e target price.

* La brillantezza dell‘intero comparto petrolifero (lo stoxx europeo .SXEP avanza di oltre un punto percentuale), sostenuto dai risultati di Total (TOTF.PA), aiuta le quotazioni di TENARIS (TENR.MI) ed ENI (ENI.MI). Bene anche CIR (CIRX.MI), holding assimilabile agli energetici per via del controllo di Sorgenia.

* Positiva MEDIASET (MS.MI): in un‘intervista, l‘AD Giuliano Adreani ha detto che il 2009 si è chiuso con una raccolta pubblicitaria in calo dell‘8%. * Non si arresta il rimbalzo delle società legate alle costruzioni: IMPREGILO IPGI.MI e BUZZI UNICEM (BZU.MI) guadagnano circa un punto percentuale.

* Le banche sono passate in territorio negativo, dopo una partenza sprint. UNICREDIT (CRDI.MI), BANCO POPOLARE BAPO.MI, MEDIOBANCA (MDBI.MI) e MONTEPASCHI (BMPS.MI) cedono circa lo 0,5%.

* FIAT FIA.MI si muove a scatti, provando a consolidare il rimbalzo partito ieri. Nel comparto dell‘automotive, bene SOGEFI (SGFI.MI) e COBRA COBRA.MI. Discorso a parte per PIRELLI PECI.MI, in tensione da diverse sedute.

* TELECOM ITALIA (TLIT.MI) poco mossa. Secondo indiscrezioni di stampa, oggi si terrà un comitato esecutivo per fare il punto sulle strategie.

* PARMALAT (PLT.MI) in ribasso. Un trader cita “un report di Exane”, che ha tagliato il rating a underperform da neutral.

* FINMECCANICA SIFI.MI in linea con il mercato: in un report dedicato al settore aerospaziale europeo, Nomura scrive che “Finmeccanica attualmente tratta ad una valutazione molto bassa, ma il gruppo deve cercare di attirare nuovamente l‘attenzione degli investitori dopo il recente profit warning”.

* Fra le mid cap, RCS MEDIAGROUP (RCSM.MI) prosegue il rally cominciato ieri, dopo la pubblicazione dei risultati 2009. La società editoriale trascina la concorrente ESPRESSO ESPI.MI. Nel settore, tonica MONDADORI (MOED.MI), corre DMAIL DMA.MI.. * ENIA EN.MI arretra di circa un punto percentuale e IRIDE IRD.MI di mezzo punto: un quotidiano ha scritto che le posizioni dei due gruppi sono inconciliabili e la fusione è a rischio. Un dealer dice che “le indiscrezioni non risultano corrispondere a verità”, aggiungendo che, secondo due fonti vicine al dossier, “l‘operazione procede come previsto”.

* Tra le small cap, spunti per i produttori di software, che, secondo anticipazioni di stampa, dovrebbero beneficiare del nuovo pacchetto di incentivi pubblici. EXPRIVIA (XPR.MI) guadagna oltre il 3% e CAD IT (CAD.MI) oltre l‘1%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below